Vino cotto: l’infallibile rimedio della nonna contro raffreddore e influenza

Il vino cotto, o vin brulè, servito caldo era un infallibile rimedio contro raffreddore, febbre e influenza utilizzato dai nostri antenati
Vino cotto: l’infallibile rimedio della nonna contro raffreddore e influenza

Soffri di reflusso gastrico? Ecco cosa non dovresti mangiare mai

Il reflusso gastrico avviene quando il contenuto dello stomaco sale nell'esofago. Ciò avviene quando lo sfintere esofageo inferiore (LES) si rilassa e permette agli acidi dello stomaco di entrare nell'esofago. Questo rigurgito è di solito a lungo termine e può provocare sintomi fastidiosi, tra cui bruciore di stomaco e dolore nella parte superiore dell'addome. La gravità della condizione è spesso legata alla dieta e allo stile di vita. Il vostro medico può diagnosticarvi il reflusso gastroesofageo se ciò accade più di due volte alla settimana. Diversi fattori legati all'alimentazione possono contribuire al reflusso di acidi, come ad esempio: la posizione del vostro corpo dopo aver mangiato, la quantità di cibo che si mangia durante un singolo pasto, il tipo di alimenti che mangiate. È possibile gestire ciascuno di questi fattori modificando come e cosa si mangia. Modificare la posizione del corpo in posizione eretta dopo un pasto e mangiare porzioni più piccole può aiutare a prevenire il reflusso. Tuttavia, sapere quali alimenti evitare può essere di aiuto per combattere il reflusso gastrico. Molti ricercatori concordano sul fatto che sarebbe meglio evitare alcuni tipi di cibi e bevande per prevenire indigestione, bruciore di stomaco e altri sintomi di reflusso acido. I cambiamenti della dieta possono influire in modo
Soffri di reflusso gastrico? Ecco cosa non dovresti mangiare mai

Matteo Bassetti: ecco perchè ci sono così tanti asintomatici in giro

Il virologo Matteo Bassetti, intervistato da Myrta merlino per la trasmissione "L'Aria che tira" ha detto la sua per quanto riguarda il boom di contagiati perlopiù asintomatici e l'evoluzione del nuovo coronavirus. Bassetti ammette che siamo di fronte ad un virus nuovo sul quale ci sono ancora alcune lacune da parte della comunità scientifica, quello che si sapeva a riguardo sei mesi fa è ben diverso da quello che si sa oggi. Ma anche se è un virus nuovo si comporta come molti altri che conosciamo afferma Bassetti. Ciò che ancora non è chiaro al virologo è se le cure adottate contro questa malattia, specie quelle di inizio pandemia, abbiano contribuito a peggiorarla o meno: "Non sappiamo quali sono le conseguenze dirette del virus e quali quelle delle cure, per esempo l'ossigeno: stare ricoverato con un tubo ti dà problemi anche senza virus". Detto questo spiega perchè ci sono così tanti asintomatici tra i nuovi contagiati: perchè la maggior parte sono giovani. Secondo bassetti il virus sta colpendo maggiormente i giovani per una serie di fattori, sia perchè sono andati in vacanza all'estero sia perchè sono quelli che rispettano meno degli altri le regole del distanziamento sociale e dell'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. I
Matteo Bassetti: ecco perchè ci sono così tanti asintomatici in giro

Virologo Tarro: ecco cosa succede agli asintomatici dopo tre giorni

Il professor Giulio Tarro, 82 anni, virologo di fama internazionale, allievo di Albert Sabin (il padre del vaccino contro la poliomielite), ex primario dell’ospedale Cotugno di Napoli, colui che isoló il vibrione del colera e due volte candidato al Nobel per la medicina, è intervenuto a Napoli a un incontro di “Alleanza di Centro”. Come al solito ha spiazzato tutti per le sue posizioni molto in controtendenza con i principali organi di informazione italiani. "Ricordo a giugno quando il Napoli calcio ha vinto la coppa Italia, subito dopo in città ci sono stati assembramenti dovuti ai festeggiamenti eppure dopo il periodo di incubazione non c'è stato nessun nuovo caso. Per cui non vedo il motivo per cui siano stati aumentati di cento volte i tamponi per soggetti che sono perlopiù asintomatici. L' Organizzazione Mondiale della Sanità ha anche chiarito che un asintomatico dopo tre giorni non è più infettivo". Poi fa un'altra dichiarazione abbastanza rilevante riguardo la riapertura delle scuole, tema attuale per cui il governo si sta attualmente adoperando per definire le linee guida ufficiali, e sul quale milioni di genitori desiderano ricevere risposte concrete: "La scuola può benissimo cominciare e tutti i ragazzi sotto i 12 anni don devono portare la
Virologo Tarro: ecco cosa succede agli asintomatici dopo tre giorni

Terapie intensive: Zangrillo e Bassetti smontano le balle dei media

Già da molto tempo Alberto Zangrillo e Matteo Bassetti cercano di tranquillizzare gli italiani, placando quelli che sono i toni allarmistici di Tv, giornali e mass media sulla questione coronavirus. Da una parte ci sono i mass media che fanno titoloni, dall'altra c'è chi lavora in ospedale, chi ha ben chiara davanti la situazione, chi lavora in prima linea per guarire i malati, i medici come Zangrillo e Bassetti che, come è ben noto, non sono mai stati d'accordo con le informazioni divulgate da giornali e tv sulla questione. Come sempre vengono comunicati i numeri dei contagiati, morti e ricoverati in terapia intensiva. Proprio sui ricoveri in terapia intensiva Zangrillo e Bassetti hanno deciso di fare chiarezza. Il primario di anestesia e terapia intensiva dell’ospedale San Raffaele di Milano Alberto Zangrillo è stato ospite di Parenzo e Telese alla trasmissione In Onda, su La7, dove ha specificato che , con la nuova disposizione di legge, un malato che viene ricoverato in terapia intensiva, anche se vi entra per altre patologie che nulla hanno a che fare con il coronavirus, viene sottoposto a tampone. Se dovesse risultare positivo, viene conteggiato tra i pazienti ricoverati in terapia intensiva e inserito nel bollettino giornaliero. Molti italiani pensano
Terapie intensive: Zangrillo e Bassetti smontano le balle dei media

Coronavirus. Chi sono i nuovi contagiati e come capire se la seconda ondata è vicina

Come sta cambiando il contagio da SARS-CoV-2 in Italia? Chi sono? Alla luce dei dati trasmessi,la seconda ondata è vicina? Facciamo chiarezza
Coronavirus. Chi sono i nuovi contagiati e come capire se la seconda ondata è vicina

Bastano pochi grammi di frutta secca ogni giorno per prevenire l’aumento di peso

Ecco spiegato in che modo pochi grammi di frutta secca ogni giorno, inseriti nella vostra dieta, aiutano a prevenire l'aumento di peso
Bastano pochi grammi di frutta secca ogni giorno per prevenire l’aumento di peso

Influenza intestinale: colpiti in molti. I sintomi e cosa fare

Influenza intestinale.Molti italiani stano combattendo con tale problema,soprattutto in questo periodo.Come affrontarla,riconoscerla e guarire
Influenza intestinale: colpiti in molti. I sintomi e cosa fare

Gli effetti dello zucchero sul sistema immunitario

La maggior parte delle persone sono consapevoli che mangiare zucchero ha conseguenze negative per la nostra salute, portando a cose come l'obesità e il diabete. Tuttavia, la maggior parte non ha considerato che lo zucchero ha anche un effetto sul nostro sistema immunitario. Un grande impatto in questo senso - la funzione immunitaria diminuisce per ore dopo che lo zucchero viene consumato. Uno studio di ricerca condotto dalla Loma Linda University, in cui i partecipanti sono stati alimentati con diverse forme di zucchero, ha scoperto che l'efficacia dei globuli bianchi (le nostre cellule immunitarie che combattono le infezioni) è diminuita fino al 50% dopo 1-2 ore di consumo di zucchero, durando fino a cinque ore! Accidenti!. Vediamo perchè accade tutto ciò. Il corpo si protegge dagli invasori. Batteri e virus vengono bloccati da cellule chiamate “fagociti”. Queste cellule, così come i globuli bianchi, coprono ed assorbono gli scarti, i microorganismi dannosi e altri corpi estranei nel flusso sanguigno e nei tessuti. I globuli bianchi hanno bisogno di vitamina C per assorbire virus e batteri, per questo è importante mantenere una quantità sufficiente di questa vitamina disponibile per l’organismo. Il glucosio (lo zucchero nella sua forma più semplice) e la vitamina C hanno una struttura chimica simile.
Gli effetti dello zucchero sul sistema immunitario

Soffri di artrite? Ecco cosa non dovresti mangiare

Il dolore che appare a livello delle articolazioni o la loro infiammazione sono i sintomi principali di questa condizione chiamata artrite. Possono essere gestiti con la somministrazione di farmaci antinfiammatori non steroidei prescritti dal vostro medico, ma un'altra cosa che dovreste fare è fare attenzione al cibo che consumate, in modo da non amplificare i vostri problemi. Non esiste una vera e propria cura per questa condizione, ma ci sono alcuni alimenti che sono noti per il fatto che rendono i sintomi dell'artrite molto peggiori e rovinano le giornate. Di seguito, vi presentiamo gli alimenti esatti che dovreste evitare. Alcune verdure Tra le quali melanzane, pomodori, patate, peperoni e peperoncini. Sono davvero salutari per chiunque, ma per chi soffre di artrite sono proibiti. La ragione principale è che hanno la capacità di scatenare l'infiammazione dei tessuti. Carne rossa Va bene mangiare carne rossa un paio di volte alla settimana, in quanto vi aiuterà ad ottenere la quantità necessaria di proteine e ferro di cui avete bisogno. È importante non superare questo limite perché la carne rossa contiene anche un'elevata quantità di acidi grassi omega 6. Questo ingrediente è noto anche come acido arachidonico e ha la capacità di aggravare il dolore delle articolazioni e il
Soffri di artrite? Ecco cosa non dovresti mangiare

Salute e Benessere, Rimedi naturali, Alimentazione sana, e prodotti biologici

Quante volte ti sei chiesto se avresti potuto curarti in modo al 100% naturale? Su Salute Eco Bio troverai tantissime soluzioni naturali per tutti i tuoi problemi, i trucchi e i segreti della medicina popolare tramandati di generazione in generazione che aiutano a curare, lenire e prevenire i problemi di salute e benessere più comuni. I nostri antenati avevano i rimedi giusti per ogni evenienza, conoscevano bene proprietà e benefici di alimenti ed erbe, avevano sempre qualcosa di buono e salutare da mangiare. Su Salute Eco Bio puoi trovare rimedi naturali per la salute e il benessere generale dell' organismo, utili consigli per un' alimentazione sana e per uno stile di vita sano all' insegna della natura. Inoltre sono presenti alcuni suggerimenti per affrontare i disturbi mentali più comuni e molti aggiornamenti rivolti alla ricerca scientifica. Dal punto di vista dell' ambiente, Salute Eco Bio si fa promotore di soluzioni rivolte alla sostenibilità ambientale e allo sviluppo sostenibile attraverso la promozione di energie rinnovabili. Il tutto è diviso per categorie per una facile navigazione.

Post recenti