Mescola questi ingredienti e applicali sulle macchie di umidità, scompariranno all’istante

Nei mesi invernali sono molte le persone che hanno a che fare con problemi di umidità in casa. L’inverno infatti è il periodo in cui questo fenomeno tende a manifestarsi maggiormente, specie negli edifici con problemi strutturali che portano all’umidità di risalita. Questo problema non è da sottovalutare per nessun motivo in quanto porta alla formazione di muffa su pareti e soffitti. Quelle brutte macchie scure non sono solo brutte da vedere, ma possono risultare deleterie per la salute, le spore possono staccarsi, fluttuare nell’aria e finire nei polmoni!

I rischi per la salute associati all’umidità in casa

Troppa umidità nell’aria di casa, e la conseguente formazione di muffa, può avere significativo impatto sulla tua salute. Vivere in una casa umida non è affatto salutare, la muffa contiene micotossine, e respirarle non fa di certo bene. Di seguito elenco i sei principali sintomi di salute associati a questo problema presente in molte case degli italiani:

  • Disidratazione;
  • Irritazione cronica della pelle e della gola;
  • Aumento della vulnerabilità alle infezioni;
  • Dermatite infiammata, eczema e asma;
  • Sintomi simili all’allergia;
  • Scarsa qualità del sonno;
  • irritazioni cutanee e agli occhi;
  • reumatismi;
  • stanchezza cronica;
  • mal d’ossa dovuto ad un costante contatto con aria umida.

Questo problema, come tutti sanno, non rappresenta solo un rischio per la salute degli abitanti, ma anche un serio problema per l’integrità della struttura stessa. La muffa attacca pareti, soffitti e anche l’arredamento interno come mobili e armadi. Vediamo tutti i danni che può causare l’umidità al nostro appartamento:

  • deteriora mobili e armati situati a poca distanza dalle pareti;
  • porta alla formazione delle macchie di muffa;
  • crea bolle d’aria tra lo stucco e l’intonaco formando rigonfiamenti molto visibili;
  • porta a lungo andare all’esfoliazione della pittura.

Dopo aver letto tutti i danni che questo problema apporta alla salute e alla struttura in cui vivi avrai sicuramente capito che prima si risolve meglio è. La soluzione più invasiva e costosa, ma duratura a lungo termine sarebbe quella di effettuare interventi edili alla struttura come coibentazioni, intercapedini o altre soluzioni. Quello che puoi fare per limitare il fenomeno ed esporti il meno possibile alle spore della muffa è:

  • arieggiare casa il più possibile, più volte al giorno;
  • staccare tutti i mobili a contatto con le pareti di almeno 7 centimetri;
  • rimuovere le macchie di umidità e muffa con il rimedio naturale, e non tossico che sto per proporti di seguito.

Come risolvere il problema con aceto e bicarbonato di sodio

Umidità aceto e bicarbonato

Screenshot YouTube

La muffa è un fungo insidioso, può portare a problemi di salute minori o maggiori, e l’esposizione prolungata può portare a effetti duraturi. vediamo come rimuoverla con bicarbonato di sodio e aceto.
Assicurati di avere quello che ti serve:

  • Bottiglia spray;
  • Aceto bianco distillato;
  • Bicarbonato di sodio;
  • Spazzola o spugna;
  • Asciugamano o panno;
  • Un secchio di acqua pulita e calda.

Prima di iniziare il trattamento, potresti aver bisogno di usare dei guanti per evitare irritazioni alla pelle se hai la pelle sensibile. L’aceto ha una acidità non paragonabile agli altri prodotti chimici contro l’umidità, ma può irritare le pelli sensibili. Puoi anche usare una maschera N-95 per evitare di respirare le spore della muffa dall’aria se ritieni che sia necessario. successivamente procedi come segue.

Riempi la tua bottiglia spray con una miscela di aceto bianco e bicarbonato. Per ogni 2 tazze d’aceto va utilizzato un cucchiaino di bicarbonato. Puoi diluire l’aceto con acqua se vuoi, ma è più efficace non diluito.
Spruzza il composto sui punti in cui si vede la muffa. Assicurati di spruzzare uno o due centimetri oltre l’area dove vedi la muffa, per aiutare a prevenirne la diffusione.
Lascia agire per circa un’ora.

A questo punto usa la tua spazzola o la spugna per iniziare a pulire la superficie trattata. Sciacquare spesso la spazzola con acqua calda e pulita. Se non la risciacqui spesso, potresti lasciare macchie e tracce di muffa sulla superficie che stai pulendo.
Una volta che hai finito di pulire l’area, devi lasciarla asciugare. Usando il tuo asciugamano, prima asciuga bene l’area, poi assicurati che lo spazio abbia un’ampia ventilazione.

Umidità: prodottiI prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *