Perché non dovresti mai buttare via l’acqua di cottura delle patate

Buttate via l’acqua di cottura dopo aver bollito le patate? La maggior parte di noi la butta semplicemente nello scarico. A quanto pare, dovremmo invece riutilizzarla in quanto possiede delle proprietà davvero interessanti. Vediamo tutti i modi in cui può essere riutilizzata.

Cottura patate

Foto Pixabay

Potrebbe sembrare un po’ strano, ma l’acqua di cottura delle patate viene spesso chiamata “oro liquido” in relazione alla sua bontà amidacea. Le patate rilasciano il loro amido nell’acqua durante la cottura. Ma ha il beneficio extra di più vitamine e minerali di quelli che si trovano normalmente nella pasta. Troverete anche proteine, vitamine B6 e ferro all’interno del liquido, che fuoriescono quando le fate bollire.

E piena di nutrienti aggiunti estratti. Nutrienti come le vitamine B e C, potassio e fibre, e fitonutrienti come carotenoidi e flavonoidi che promuovono una buona salute generale. L’acqua bollente non si limita a cuocere le patate, ma ne estrae effettivamente le sostanze nutritive, per cui si ottengono anche tutti gli stessi benefici per la salute!

Ma cosa si può fare con l’acqua dopo aver bollito le patate? Può essere usata come sostituto del latte e rende il pane deliziosamente umido. Inoltre, può essere usata come addensante che è naturalmente senza glutine, ma non solo! Vediamo tutti gli usi alternativi che probabilmente non conosci.

Gli usi alternativi dell’acqua di cottura delle patate

Potreste essere sorpresi di sapere che l’acqua di patate è incredibilmente utile e versatile. Potete usarla come addensante sostitutivo, aggiungerla a tutti i tipi di piatti per un sapore extra e persino usarla in giardino per aggiungere nutrienti al terreno. Va precisato che l’acqua di cottura può essere riutilizzata solo se le patate sono state bollite sbucciate, in caso contrario il liquido potrebbe avere un sapore di terra, e quindi non adatto per essere riutilizzato. Inoltre può essere conservato in frigo fino a un massimo di 24 ore. Dopo questo tempo, l’acqua si addolcisce.
Continuate a leggere per conoscere tutti gli usi alternativi.

Addensante senza glutine. Funziona benissimo come addensante senza glutine in cose come sugo, zuppe e stufati al posto della farina. Potete usarla per fare il sugo senza aggiungere altri addensanti, come la farina (che contiene glutine).  Per coloro che sono allergici al mais o al grano, o per chiunque segua uno stile di vita senza glutine, questo liquido è un sostituto adatto di un addensante di farina o di amido di mais.
Al posto del latte nel purè di patate. Volete fare il purè di patate ma avete finito il latte? Sostituitelo con l’acqua di cottura e otterrete un purè gustoso e soffice.

Nell’impasto del pane. utilizzata per fare l’impasto del pane al posto della normale acqua dona maggiore consistenza e sapore.
Addensante nelle zuppe. Nel caso delle zuppe, addensa il brodo e aggiunge anche vitamine dalle patate. È un po’ come avere un integratore vegetale gratuito in qualsiasi cosa stiate facendo!

Ottima nel brodo. Ad alcune persone piace anche trasformare l’acqua di patate in un brodo aggiungendo sale di sedano, pepe nero e un po’ di brodo.
Concime naturale. Molte persone la usano per innaffiare le loro piante perché possono assorbire tutte quelle vitamine e minerali rilasciati dalle patate, ottenendo risultati straordinari (sempre che non abbiate usato il sale durante la bollitura).

Nel cibo per animali. Potete anche darla ai vostri animali, versatela sul cibo del vostro cane o gatto per dargli qualche nutriente in più e per inumidire cibi secchi come le crocchette.

Patate: prodottiI prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *