Mascherine di protezione: quanto durano e quando sostituirle

307 Condivisioni

Oramai tutti utilizziamo le mascherine di protezione ma per quanto tempo restano efficaci proteggendoci dal virus? Quando bisogna sostituirle?
durata mascherine di protezione sostituzione

In questi giorni stiamo parlando molto delle mascherine di protezione soprattutto perché dal 4 Maggio, con la graduale riapertura delle attività e con la ripresa (se pur lieve) della circolazione, dovremmo prestare sempre la massima attenzione, ragion per cui ci ritroveremo ad utilizzarle con costanza. In pratica dovremmo abituarci alla sua presenza perché rappresenta una delle più importanti tecniche per la prevenzione al Covid-19.

In commercio se ne trovano diverse, ovviamente anche i prezzi tendono a variare in funzione delle loro caratteristiche, per tipologia e capacità filtrante, quelle maggiormente efficaci per la protezione dal coronavirus sono quelle che possiedono la sigla FFP: “filtering face piece”. A tale sigla è poi associato un numero che va da 1 a 3 e sta ad indicare il grado di sicurezza, dove 3 rappresenta la massima protezione da virus, batteri, funghi, sostanze nocive.

Queste mascherine possono anche essere dotate di un filtro che permette appunto di filtrare l’aria e respirare correttamente.
Ovviamente le FFP3 e FFP2 sono quelle destinati ai sanitari che combattono in prima linea all’interno di strutture ospedaliere, tuttavia è possibile reperire FFP1 e mascherina chirurgiche anche in farmacia .

Ma come ogni dispositivo di protezione che si rispetti, ha una durata limitata e varia a seconda del modello. Per questo è assolutamente impensabile credere di indossarla per settimane o addirittura mesi senza cambiarla, tanto più alla luce del fatto che questi dispositivi sono fatti per essere USA E GETTA.

La durata delle mascherine di protezione

Quanto può durare una mascherina di protezione?
Quanto tempo passa prima che perda la sua efficacia filtrante?

Queste sono tutte valide domande che costantemente ognuno di noi si chiede.
Gli esperti, ovviamente sono consapevoli del fatto che questi dispositivi restano comunque usa e getta, tuttavia vista l’esigenza di questo particolare periodo possono essere utilizzate per un periodo più prolungato sempre rispettando alcune accortezze (discorso differente per i sanitari).

Mascherina Chirurgica

Questa tipologia di mascherina è capace di contenere entro un certo limite le particelle infette presenti nell’ambiente. Non ha un potere elevato filtrante e per questo non è in grado di proteggere in fase inspiratoria dall’ inalazione di piccole particelle, quelle che gli esperti chiamano “droplet“.
Queste mascherine si trovano spesso in commercio e sono destinate alla popolazione, ovviamente sono usa e getta ma possono essere adoperate per più di una volta rispettando alcune accortezze importanti.

Innanzitutto è opportuno sempre mantenere la distanza di un metro raccomandata, appunto perché non riescono a filtrare.
Teoricamente durano dalle 4 alle 6 ore. Se le utilizziamo per poco tempo, una volta a casa possiamo riporla e disinfettarla con uno spray a base di alcol per poi lasciarla arieggiare al sole. L’importante è che asciughi. In seguito potrà essere riutilizzata, certamente non all’infinito. Controllate la qualità del tessuto così da osservare che non sia usurato o strappato.

Mascherina FFP1

Si tratta di mascherine semi-facciali che possiedono un potere filtrante fino all’80% delle particelle ambientali ma non è raccomandato per la protezione da agenti patogeni che si trasmettono e propagano per via aerea. Anche se dovrebbero essere usa e getta, possono essere riutilizzate ma non per molto. Generalmente durano circa 8 ore ma se la mascherina si è inumidita durante il nostro utilizzo bisogna fare in modo che questa asciughi per poterla utilizzare nuovamente.
Per disinfettarla al meglio possiamo utilizzare alcol al 75%; mai usare altre soluzioni disinfettanti.

Mascherina FFP2 e FFP3

Filtrano rispettivamente il 95% e il l 98-99% delle particelle ambientali. Sono dispositivi particolarmente raccomandati soprattutto per i sanitari che per gli operatori sanitari che vengono a contatto con persone infette.

Le maschere FFP2 e FFP3 sono generalmente monouso, sostanzialmente durano circa 8-10 ore (a seconda dell’esposizione più o meno elevata al rischio) e garantiscono piena efficacia solo rispettando determinate prescrizioni di uso e temporali.
Se si tratta di sanitari vanno assolutamente gettate dopo ogni utilizzo, se ad utilizzarle è individuo non operante nel settore sanitario, può spingersi ad utilizzarle per diverse ore purché venga disinfettata dopo ogni utilizzo magari servendosi si alcol al 75% e poi lasciata arieggiare così da asciugare.

307 Condivisioni

Mascherine: prodotti

I prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *