Contagi in aumento? Per Matteo Bassetti è colpa di chi è andato in vacanza e delle scuole aperte

Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, esperto di infettivologia, è stato intervistato lo scorso fine settimana nel corso della trasmissione “Domenica In” dalla conduttrice Mara Venier con la collaborazione del noto comico Giorgio Panariello.

Matteo Bassetti contagi domenica in

L’infettivologo si è espresso in merito all’attuale situazione epidemica in Italia e in particolare all’aumento di contagi che dal mese di ottobre si verifica in modo quasi esponenziale.
Secondo Bassetti tra le cause principali per cui il virus “è rientrato” in Italia ci sono le vacanze e la riapertura delle scuole. Si riferisce in particolare a chi è andato questa estate in vacanza all’estero, che, secondo il medico, avrebbe potenzialmente riportato il virus nel nostro paese. La riapertura delle scuole, lo spostamento tra regioni e la messa in moto di tutte le attività produttive avrebbe fatto il resto.

Il virus questa estate è rientrato in Italia con gli spostamenti tra regioni ma soprattutto con l’andare in vacanza all’estero, si è un pò abbassata la guardia, forse troppo!” ha affermato.
Poi con la ripresa delle scuole e delle attività produttive c’è stato un grosso interscambio tra le persone e il virus ha ricominciato a circolare nel mese di settembre” fino a far registrare dal mese di ottobre in poi i numeri che conosciamo.

Infine Bassetti si augura “che le misure che sono state prese sia a livello nazionale che locale portino a qualcosa“, anche se, in una recente intervista, l’infettivologo si è mostrato contrario a tali misure sostenendo ad esempio che “chiudendo i ristoranti alle 18 non si risolverebbe nulla“.

Questo ed altro nell’intervento integrale di Matteo Bassetti a Domenica In presente di seguito. Buona visione.

Matteo Bassetti: prodotti

I prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *