Una carenza di vitamina D aumenta il rischio di alzheimer

E’ confermato: una carenza di vitamina D aumenta più del doppio il rischio di demenza

I ricercatori hanno scoperto che le persone con bassi livelli di vitamina D sono fortemente soggette all’ alzheimer. Ecco perchè

I ricercatori dell’Alzheimer’s Disease Center della University of California di Davis e della Rutgers University hanno scoperto che le persone con livelli bassi di vitamina D hanno un rischio di contrarre ammalarsi di alzheimer tra volte maggiore quelli che hanno livelli adeguati di vitamina D.

Da un loro studio si evince che la carenza di vitamina D negli anziani è fortemente correlata a un declino cognitivo accelerato e a prestazioni ridotte,come la perdita di memoria, tutti fattori  associati all’Alzheimer e alla demenza.

L’ampio studio è stato condotto su quasi 400 uomini e donne, di età media 76 anni, diversi per razza ed etnia, della California del Nord, alcuni cognitivamente normali o con lieve deterioramento cognitivo (MCI), altri con demenza.
All’ inizio dello studio è stato misurato il loro livello di vitamina D. Dalla misurazione è venuto fuori che le persone carenti di vitamina D erano quelle appartenenti alle etnie con la pelle scura e quelle affette da demenza lieve o grave.

Queste persone sono state monitorate per 5 anni. Nei 5 anni di durata dello studio, gli individui carenti di vitamina D hanno registrato un declino cognitivo da due a tre volte più veloce rispetto a quelli con livelli  sufficienti di vitamina D. In altre parole, ci sono voluti solo 2 anni per gli individui carenti per declinare allo stesso livello in cui sono arrivati quelli con vitamina D adeguata in 5 anni.

Sole e dieta a base di Vitamina D per prevenire l’ Alzheimer

Come ben sappiamo la fonte primaria di vitamina D è il sole, e non a caso, spiegano i ricercatori, le persone che hanno la pelle più scura (africani, ispanici ecc) sono quelle che fanno registrare un’alta incidenza di alzheimer (specie gli afro americani negli USA) rispetto ai cosiddetti “bianchi”. Ciò è dovuto al fatto che la loro pelle scura, per via dell’ alta concentrazione di melanina, non permette di assorbire a sufficienza la vitamina D dal sole in quanto ne inibisce la sintesi.


Insieme a questi soggetti si vedono aumentare il rischio di alzheimer gli ultra sessantenni di qualsiasi razza e colore della pelle, carenti di vitamina D. La carenza di vitamina D può essere dovuta sia ad una insufficiente esposizione alla luce solare sia ad una insufficiente assunzione per via orale. In pratica il sole è la migliore medicina per la prevenzione della demenza senile, insieme ad una dieta a base di vitamina D.

Come riporta l’ Associazione Alzheimer Onlus, Joshua Miller, professore del Dipartimento di Patologia e Medicina di Laboratorio alla University of California di Davis (dove è stato effettuato lo studio in questione), ha dichiarato:

“Indipendentemente da razza o etnia, dalle abilità cognitive di base e da una serie di altri fattori di rischio, l’insufficienza di vitamina D è associata a un calo significativamente più veloce delle prestazioni sia della memoria episodica che della funzione esecutiva.- Questo lavoro, e quello di altri, suggerisce che ci sono prove sufficienti per raccomandare che le persone over-60 discutano con i loro medici se prendere quotidianamente un integratore di vitamina DAnche se ciò dimostrasse di non essere efficace, c’è comunque un rischio molto basso per la salute ad assumerlo”

D1000 - Integratore Alimentare a base di Vitamina D
Una vitamina fondamentale per il benessere psicofisico

Voto medio su 13 recensioni: Da non perdere

€ 12.8

“Ci aspettavamo di vedere un declino nei soggetti con bassa vitamina D”, ha detto Charles DeCarli, direttore dell’Alzheimer’s Disease Center. “Quello che non ci aspettavamo è il grado di profondità e rapidità dell’impatto dei livelli bassi di vitamina D sulla cognizione”.

Questo articolo non si sostituisce in alcun modo al rapporto tra paziente e medico, esso ha una funzione divulgativa e non intende rappresentare una guida per automedicazione, diagnosi o cura. I suggerimenti e i consigli generali mirano esclusivamente a favorire nuove e migliori abitudini alimentari. ed uno stile di vita salutare. Le patologie e alcuni stati fisiologici richiedono l’intervento diretto di un professionista, e la collaborazione del medico curante. E’ sempre opportuno il parere del medico prima di intraprendere cambiamenti sostanziali nelle abitudini quotidiane.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
loading...
loading...

Aggiungi un commento con il tuo profilo Facebook,Google+ o anonimo

Loading Facebook Comments ...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *