Via libera di Trump a ciambelle per uccidere cuccioli di orso in Alaska

trump uccidere cuccioli di orso in alaska

Foto: pixabay

I cacciatori in Alaska saranno presto autorizzati ad usare grasso di pancetta e ciambelle come esca per gli orsi bruni, riflettori per sparare alle mamme e ai cuccioli in letargo nelle loro tane e barche a motore per sparare ai caribù che nuotano – grazie ad un’inversione delle linee guida dell’era Obama da parte dell’amministrazione Trump questa settimana.

L’amministrazione Trump ha appena ripristinato le regole della caccia in Alaska che permettono di uccidere i cuccioli di orso, usando ciambelle, cani e luci brillanti per attirarli per poi ucciderli.

I cacciatori in Alaska saranno presto in grado di accecare gli orsi bruni con luci brillanti e di ucciderli, dopo che l’amministrazione Trump ha appena posto fine a un divieto dell’era Obama sulle controverse pratiche di caccia nelle riserve nazionali.
Martedì scorso, la National Park Service Policy ha pubblicato nel Federal Register le modifiche alle norme sulla caccia alla selvaggina, eliminando una regola del 2015 che limitava le pratiche su più di 20 milioni di acri di terra federale dell’Alaska.

Le regole, che molti considerano crudeli e superflue, permettono l’adescamento di orsi bruni e neri con cibo umano, la caccia agli orsi nelle loro tane con la luce artificiale, l’uccisione di lupi e coyote nelle loro tane durante la stagione in cui le madri svezzano i loro piccoli, l’uso di cani per cacciare gli orsi e la caccia ai caribù che nuotano dalle barche.

In precedenza, la caccia agli orsi con i cuccioli o la caccia ai cuccioli stessi era proibita.
I cacciatori saranno in grado di catturare gli orsi bruni utilizzando cibo umano, come ciambelle imbevute di grasso. Saranno anche in grado di uccidere lupi e coyote in estate, quando le madri svezzano i piccoli.

Sarà anche legale sparare ai caribù dai motoscafi e mentre nuotano.
L’aumento dell’accesso alla terra da parte dei cacciatori e delle compagnie di combustibili fossili è stato un punto focale per l’amministrazione Trump. Le riforme della caccia, in particolare, sono state promosse dal figlio del presidente Donald Trump Jr., un noto cacciatore, ha riferito il New York Times.

L’amministrazione Obama ha emanato il divieto del 2015, affermando che era necessario evitare di ridurre artificialmente i predatori dell’Alaska, che potrebbero destabilizzare l’ecosistema, ha riferito The Guardian.
Ma l’attuale amministrazione sostiene che il divieto non è coerente con il resto dei regolamenti di caccia dell’Alaska, che mirano ad uccidere i predatori per aumentare le popolazioni di caribù.

I legislatori e le tribù native dell’Alaska hanno elogiato il cambiamento di legge, dicendo che rimette il potere nelle mani dello Stato.
Il rovesciamento “conferma le autorità sovrane di cui lo Stato dispone per quanto riguarda la gestione della fauna selvatica sulle nostre terre protette nazionali”. Questo è un passo verso il riconoscimento del legittimo controllo dell’Alaska sulle risorse ittiche e faunistiche in tutto lo stato”, ha detto il mese scorso il governatore dell’Alaska Michael J. Dunleavy.

“La precedente regola è stata attuata senza un’adeguata consultazione tribale, in disprezzo della dipendenza dell’Alaska rurale dalle risorse alimentari selvatiche”, ha dichiarato Victor Joseph, capo e presidente della Conferenza dei capi di Tanana, che rappresenta 42 tribù. “Le precedenti limitazioni emanate nel 2015 hanno minacciato il nostro stile di vita e le nostre secolari pratiche di gestione sostenibile”.

Alaska: prodotti

I prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *