Delirio, depressione, ansia: gli effetti della psicosi da covid19

364 Condivisioni

psicosi da coronavirusAutori: Dott. Jonathan Rogers e Dott. Edward Chesney. Articolo tradotto da The Conversation.

Tosse, febbre, perdita dell’olfatto, questi sono i sintomi del COVID-19 che tutti conosciamo. Ma sapevate che la confusione colpisce il 20% o più dei pazienti in ospedale ricoverati con COVID-19? O che le precedenti epidemie di coronavirus sono state collegate ad alti tassi di malattie mentali in seguito?

Come psichiatri che lavorano in un ospedale generale, siamo abituati a vedere pazienti con depressione, desiderio di autolesionismo, demenza e psicosi. Quello che abbiamo notato quando è iniziato il COVID-19 è che ci venivano indirizzati molti pazienti che erano disorientati, confusi e a volte con allucinazioni. Presi nel loro insieme, questi sono segni di una condizione nota come delirio.

Il delirio è uno stato di confusione a breve termine che deriva da malattie come il COVID-19. I pazienti possono cambiare nel giro di poche ore e non sapere dove si trovano o cosa gli sta succedendo. Aggiungete a questo le paranoie e le allucinazioni visive che molti manifestano e capirete perché può essere un’esperienza piuttosto spaventosa.

Ci sono stati due precedenti focolai di infezioni gravi da coronavirus: la sindrome respiratoria acuta grave (Sars) a partire dal 2002 e la sindrome respiratoria del Medio Oriente (Mers) nel 2012. Quando i pazienti non si sentivano bene con queste infezioni, più del 25% ha sperimentato sintomi come scarsa concentrazione, confusione e rapide fluttuazioni dell’umore – tutti elementi che suggeriscono un delirio. Dai primi dati che abbiamo, sembra che le cifre siano simili per i pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19.

Se il delirio è uno stato a breve termine, che importanza ha? I pazienti che soffrono di delirio hanno almeno il doppio delle probabilità di morire in ospedale. I pazienti che sviluppano il delirio mentre sono in ospedale rimangono in ospedale per circa una settimana in più rispetto agli altri pazienti. Ciò significa che potrebbero esserci problemi reali nel liberare i letti per i nuovi pazienti.

Ovviamente, non abbiamo dati a lungo termine per il COVID-19, ma guardando le epidemie del passato possiamo avere un’idea di ciò a cui fare attenzione nei prossimi mesi e anni. Quando i pazienti con Sars e Mers sono stati valutati qualche mese dopo, il 15% aveva la depressione e il 15% un disturbo d’ansia. Le malattie mentali sono comuni, però, quindi è difficile sapere quante di queste persone avevano problemi di vecchia data o stavano lottando per altri motivi.

Ciò che è stato davvero sorprendente, però, è che i tassi di disturbo da stress post-traumatico da stress (PTSD) erano più del 30%. Questo è enorme e difficile da attribuire a qualsiasi cosa, tranne che all’esperienza dell’infezione e al suo trattamento. Anche la stanchezza sembrava essere un grosso problema: il 19% dei pazienti lo segnalava anche mesi dopo la “guarigione”.

Dobbiamo fare attenzione nell’applicare questi risultati all’attuale pandemia, perché tutti questi risultati provengono da pazienti ricoverati in ospedale e sappiamo che la maggior parte dei pazienti con COVID-19 può essere trattata in modo sicuro a casa. Inoltre non è possibile sommare i numeri per ogni disturbo, poiché molti pazienti possono averne presentato più di uno.

È interessante notare che sembravano esserci alcuni gruppi che erano a più alto rischio di sviluppare malattie mentali dopo l’infezione. Non sorprende che coloro che avevano una malattia fisica più grave e quelli che avevano perso una persona cara tendessero ad avere un esito psicologico peggiore. Quello che non ci aspettavamo di trovare è che tre studi hanno identificato gli operatori sanitari come a più alto rischio di sviluppare una successiva malattia mentale.

Qualunque sia la causa, dobbiamo essere preparati. Ma gli interventi devono essere basati sull’evidenza e – cosa fondamentale – devono evitare di peggiorare le cose. Il debriefing psicologico, in cui un terapeuta incoraggia a parlare in dettaglio di un evento traumatico, sembra sensato, ma ci sono prove convincenti che potrebbe effettivamente peggiorare le cose, aumentando il rischio di una successiva malattia mentale.

Ci sono molte possibili ragioni per cui le persone sviluppano questi problemi e la vostra ipotesi può essere buona come la nostra. Potrebbe essere che il virus colpisca direttamente il cervello o che il sistema immunitario del corpo vada in sovraccarico. Altrettanto probabile è che le conseguenze psichiatriche siano il risultato dell’isolamento sociale o del trauma psicologico di una grave malattia.

Quello che dovremmo fare è uno screening per il delirio, identificando questi pazienti come gravemente malati e utilizzando trattamenti che sappiamo essere sicuri ed efficaci.
Fortunatamente, possiamo aspettarci che la maggior parte delle persone che soffrono di COVID-19 non avranno una malattia mentale all’indomani. Tuttavia, per coloro che ne soffrono, ci deve essere un aiuto psichiatrico disponibile e un sostegno per il ritorno sul posto di lavoro.

364 Condivisioni

Psicosi: prodotti

I prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *