Oms: per fermare il covid non aspettate il vaccino, fatevi tracciare

Il Direttore dell’ Oms Afferma: “per fermare concretamente il covid non bisogna aspettare il vaccino, fatevi tracciare”. Ecco le sue dichiarazioni in merito.
Tedros Adhanom Ghebreyesus oms coronavirus vaccino app di tracciamento

Di risorse ed energie per creare un vaccino affidabile  d efficace per fermare il covid-19 ce ne sono molte in campo.
Ogni nazione fa quello che può e mette a disposizione innumerevoli risorse: tra scienziati di fama mondiale e team specializzati, possiamo dire che vi è un intero esercito schierato. Con ogni mezzo a disposizione lavorano alacremente cercando di perfezionare e sperimentare un vaccino per la popolazione.

Nel frattempo tutto questo accade mentre nel mondo si combatte ancora questa guerra contro il Covid.
Una guerra che ha fatto già tantissimi morti, in cui medici ed infermieri sono stati chiamati in prima linea a dare il loro prezioso contributo.
Oramai sono molti mesi che combattiamo questo nemico invisibile, sono stati fatti tanti passi avanti, abbiamo modificato i nostri stili di vita e ci stiamo adattando a convivere con questo Virus che, purtroppo, lentamente (ma con costanza) non smette di avanzare.

E se non stessimo facendo abbastanza? O non lo stessimo facendo nel migliore dei modi?
Come riportato dall’Ansa, proprio in queste ore arriva una dichiarazione abbastanza forte da parte dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità, Le parole in questione le ha pronunciate il Direttore dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus, durante un briefing tenutosi a Ginevra.  Ecco quanto afferma:

Possiamo fermare il Covid – 19. Ma per farlo non dobbiamo aspettare il vaccino, dobbiamo fermare la pandemia ora”.

Nel suo discorso ha poi continuato:

Dobbiamo supportare ed accelerare con il vaccino, ma dobbiamo anche salvare vite ora. Tutto questo utilizzando gli strumenti che abbiamo a disposizione. Per tali ragioni è essenziale il tracciamento in quanto permette di trovare, rintracciare ed isolare i contagiati. In questo modo potremmo mettere in quarantena anche i loro contatti e per prevenire eventuali focolai locali.
Le misure di lockdown possono aiutare a ridurre la trasmissione del Covid-19, ma non possono certo fermarla definitivamente“.

Occorre fare di più e, per Tedros Adhanom Ghebreyesus (Direttore dell’Oms), appare chiaro che la migliore risposta a questo sia proprio il tracciamento.

Cos’è il tracciamento per il contenimento del covid 19

Il tracciamento dei contatti (in inglese “contact tracing”) è una delle azioni messe in campo dalla Sanità Pubblica.
Tale tecnica è utilizzata per la prevenzione ed il contenimento del Covid-19 così come anche per altre malattie infettive. Rappresenta uno strumento fondamentale, e ad oggi indispensabile, all’ interno di una strategia atta a contrastare un’emergenza sanitaria come quella da poco vissuta. In questo modo si riuscirà, quanto prima, a tornare alla normalità.

Il tracciamento è un percosso avviato nella fase 2 della Pandemia. Richiede interventi validi che possano permettere la rapida individuazione di possibili persone infette e le persone con le quali hanno avuto contatti. In questo modo si può arginare il diffondersi di possibili focolai locali, i quali possono rappresentare un pericolo concreto per il ritorno della diffusione del Virus.
Ad oggi troppe poche persone hanno scaricato l’ app che permette tutto questo. Servirebbe un po’ più impegno da parte di tutti.

Covid: prodotti

I prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *