Il virologo: ecco come disinfettare le mascherine con l’alcol etilico

1.2K Condivisioni

Se dobbiamo subito riutilizzare la nostra mascherina l’unico modo per disinfettarla rapidamente è con l’alcol etilico. Ecco come fare.
Virologo Francesco Broccolo disinfettare mascherine con alcol etilico

Abbiamo già parlato in un recente articolo di come igienizzare e sanitizzare le mascherine, affermando che queste non vanno assolutamente immerse in alcun liquido, alcol o detergente in quanto perderebbero la loro efficienza nel filtraggio delle particelle. L’unico metodo per rimuovere potenziali virus sulle mascherine è quello di lasciarli morire.

Quindi si dovrebbe lasciar asciugare per bene a mascherina all’aria aperta in un luogo asciutto e non umido. Nel caso del coronavirus bisogna lasciarla per ben 72 ore prima di poterla riutilizzare. Come si può notare questo è un metodo a lungo termine in quanto ci vogliono ben tre giorni per essere sicuri (e neanche tanto) che il virus non sia più vitale. Ma se abbiamo bisogno di riusare subito la nostra mascherina?

Il virologo Francesco Broccolo spiega come igienizzare le mascherine con l’alcol etilico per poterle subito riutilizzare. Queste le sue parole.

Le mascherine non sono lavabili, se lavate perderebbero la loro efficacia. Si possono disinfettare con alcol etilico. Bisogna spruzzare l’alcol sulla parte esterna della mascherina e lasciare asciugare per trenta minuti. Questo vale soprattutto per le mascherine più resistenti (FFP2 e FFP3), mentre quelle chirurgiche sono più delicate. La cosa importante è non strofinarle, ma bisogna solo spruzzare l’alcol, e non toccare all’interno della mascherina con le mani, specie quando la togliamo. In questo modo possiamo tenerle e riutilizzarle anche più giorni prima di gettarle“.

Di seguito l’intervento integrale del virologo Francesco Broccolo.

1.2K Condivisioni

Alcol etilico: prodotti

I prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *