Sudare la notte: le cause e quando bisogna preoccuparsi

I medici sentono spesso i loro pazienti lamentarsi dei sudori notturni. I sudori notturni si riferiscono all’eccesso di sudorazione durante la notte. Ma se la vostra camera da letto è insolitamente calda o se indossate troppe lenzuola, potete sudare durante il sonno, e questo è normale. Le vere sudorazioni notturne, legate ad eventuali problemi, sono forti vampate di calore che si verificano di notte e che possono inzuppare i vestiti e le lenzuola e che non sono legate a un ambiente surriscaldato.

Sudare la notte

Sudare la notte

Le vampate di calore sono improvvise sensazioni di calore. Possono verificarsi in qualsiasi momento durante il giorno, e quando si verificano di notte e provocano una forte sudorazione. Vediamo quali potrebbero essere le cause.

Le cause principali della sudorazione notturna

Menopausa. Le vampate di calore che accompagnano la menopausa possono verificarsi di notte e causare sudorazione. Questa è una causa molto comune di sudorazione notturna nelle donne.

Bere alcol prima di andare a letto.
Bere un drink o due la sera può sembrare rilassante, ma può portare ad un aumento della temperatura corporea, e quindi alla sudorazione.
L’alcol rilassa le vie respiratorie, e questo può rendere la respirazione più difficile. Inoltre, agisce anche come uno stimolante in quanto porta ad un aumento della frequenza cardiaca. Entrambi possono aumentare la temperatura corporea.
Se si soffre di sudorazione notturna, sarebbe meglio di limitare l’alcol prima di andare a letto.

Alcuni farmaci sono noti per essere associati alla sudorazione notturna.
Questi includono alcuni antidepressivi noti come inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), steroidi, e farmaci presi per abbassare la febbre, come l’aspirina o l’acetaminofene, che possono paradossalmente causare sudorazione.

Infezioni.
La tubercolosi è l’infezione più comunemente associata alla sudorazione notturna. Ma le infezioni batteriche, come l’endocardite (infiammazione delle valvole cardiache), l’osteomielite (infiammazione delle ossa) e gli ascessi possono causare sudorazione notturna. La sudorazione notturna è anche un sintomo dell’infezione da HIV.

Il tuo livello di stress.
Se ti senti ansioso o stressato, probabilmente hai sperimentato il terrore che deriva dal tentativo di addormentarsi (o di riaddormentarsi dopo il risveglio). Una mente iperattiva accelera il cervello e il corpo, il che può portare alla sudorazione.

I consigli per ridurre lo stress prima di andare a letto:

  • Costruisci il tempo per rilassarti. Prima di andare a letto, fai una doccia calda, evita lo schermo e i dispositivi, o prova a leggere un libro.
  • Creare un’atmosfera rilassante. Assicurati che le luci siano basse, che il suono sia limitato o soffuso e che la stanza sia fresca.
  • Parla con il tuo medico. Lo stress e l’ansia ricorrenti o di lunga durata potrebbero essere un segno di un problema di salute mentale più serio, come un disturbo d’ansia o una depressione.

Problemi ormonali.
I cambiamenti nel sistema endocrino11, che controlla i livelli ormonali nel corpo, possono essere collegati alla sudorazione notturna. Esempi di problemi ormonali collegati alla sudorazione notturna sono l’iperattività della tiroide (ipertiroidismo), il diabete e la glicemia elevata, e livelli anormali di ormoni sessuali.

Cancro.
La sudorazione notturna è un sintomo precoce di alcuni tipi di cancro. Il tipo più comune di cancro associato alla sudorazione notturna è il linfoma. Tuttavia, le persone che hanno un cancro non diagnosticato spesso hanno anche altri sintomi, come perdita di peso inspiegabile e febbre.

Condizioni neurologiche. Non comunemente, le condizioni neurologiche tra cui disreflessia autonoma, siringomielia post-traumatica, ictus e neuropatia autonoma possono causare un aumento della sudorazione e possono portare a sudorazioni notturne.

Sudorazione: prodottiI prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *