Melatonina per migliorare la qualità del sonno e tanto altro, ecco perché assumerla

L’importanza di assumere Melatonina va oltre i disturbi del sonno. Ecco quanto è fondamentale per un completo benessere nel nostro organismo.

Melatonina per dormire

La melatonina è un particolare ormone che sta a regolare il ritmo circadiano nel corpo umano. Questo ormone è secreto da una ghiandola che abbiamo nel nostro cervello, stiamo parlando della ghiandola pineale.
La sua secrezione è stimolata dalla presenza di luce (sia quella naturale che quella artificiale) la quale colpisce la nostra retina. In questo modo l’informazione viaggia attraverso il nervo ottico e viene trasmessa all’epifisi che successivamente attiva la produzione della melatonina. Questo ormone viene accumulato durante le ore diurne per poi essere rilasciato durante la fase di buio.

La sua produzione è drasticamente ridotta nei lattanti per poi aumentare con il crescere dell’età e, ritornare a diminuire con l’avanzamento degli anni, in particolar modo negli anziani.
Dormire bene è fondamentale per affrontare al meglio la giornata, e tutti noi conosciamo i benefici della melatonina riguardante il buon sonno, ma certamente non finiscono qui  perché agisce su molteplici fronti e migliora di gran lunga la qualità della vita sotto vari aspetti.

L’assunzione della melatonina è legata anche al consumo di particolari alimenti che ne contengono naturalmente un buon quantitativo, tuttavia è possibile ingerirla anche grazie all’ assunzione di integratori alimentari specifici.
Possono essere assunti diversi dosaggi di melatonina e questo varia a seconda dei disturbi da trattare e delle patologie del soggetto in questione.

Il ruolo della melatonina nella nostra vita.

Come saprete, questa è considerata l’ormone del sonno per eccellenza difatti si dimostra efficace per coloro che fanno fatica a prendere sonno; va dunque a migliorare la qualità del riposo ripristina i naturali ritmi biologici dell’organismo.
Ma i suoi benefici non si fermano qua e certamente è stato dimostrato quanto la sua efficacia si esplichi per il trattamento di altri disturbi ed ora vediamo quali sono.

La melatonina ha diversi ruoli nell’organismo.

Antiossidante ed Antitumorale. In merito a questo argomento vi sono stati diversi dibatti e molteplici studi. Da questi è emerso che l’uso di melatonina agisce migliorando lo stato di salute dei pazienti affetti da cancro al colon-retto, alla prostata e nelle donne affette da tumore al seno. Tutto questo grazie al ruolo degli antiossidanti che hanno inibito e/o rallentato sostanzialmente la proliferazione di cellule tumorali nocive.

Riduce gli effetti negativi legati a terapie Antitumorali.  Gli effetti benefici di questa sostanza potrebbero essere di gran lunga utilizzati come aiuto nella terapia antitumorali in quanto possono ridurre e mitigare gli effetti collaterali legati alle chemioterapie e radioterapie.

Agisce sul buon funzionamento del Sistema Immunitario.

Migliora la qualità del sonno. Assumere questa sostanza 1-2 ore prima di coricarsi per dormire, favorisce la conciliazione del sonno e permette di dormire meglio.
Ripristina il ritmo circadiano. Ossia una sorta di orologio biologico che regola le nostre attività biologiche tra le quali: il ritmo sonno-veglia, i cicli riguardanti la pressione arteriosa, la temperatura corporea, a temperatura del corpo e il tono muscolare.

Favorisce il benessere degli occhi. La  presenza non indifferente antiossidanti al suo interno fanno si che la melatonina aiuta a promuovere la salute degli occhi prevenendo danni cellulari, prevenendo la secchezza oculare, proteggendo la salute della retina e ritardando i danni legati all’età.
Favorisce la crescita di cellule sane. Grazie all’inibizione della proliferazione delle cellule antitumorali, ne favorisce conseguentemente la replicazione di cellule sane.

Allontana gli stati di ansia e stress. Questo è legato anche al fatto che permettendo all’organismo di dormire meglio si riesce ad avere una mente più riposata, senza dubbio meno stressata e più reattiva.
Influenza positivamente l’attività sessuale e la fertilità. A proposito di quest’ultima vi sono degli studi che mettono in risalto quanto questa possa influire positivamente sulla fertilità sia femminile che maschile. Ma non è tutto, si è osservato che con la somministrazione per bocca di questo ormone si è avuta una maggiorazione dei tassi di fecondazione ed una sostanziale riduzione del danno ossidativo agli ovociti.

Allontana disturbi ormonali legati all’endometriosi o alla sindrome premestruale nelle donne.
Alcuni studi hanno mostrato risultati incoraggianti per quanto riguarda la riduzione del dolore provocato dall’endometriosi.
A 40 donne (in età fertile) sono stati somministrati 10 mg di melatonina al giorno. In questo modo hanno avuto una sostanziale diminuzione del dolore di ben il 40%, permettendo loro di ricorrere molto meno all’uso di antidolorifici.

Ci sono tanti motivi per il quale faremmo bene ad assumere la melatonina. Questa si trova naturalmente contenuta in particolari cibi come ad esempio: il riso integrale, avena, mais, lenticchie, fagioli, pomodori, mele, banane, ciliegie, ravanelli, noci, pistacchi, salmone e uova.
Se poi volessimo aumentare l’assunzione di questa sostanza potremmo utilizzare degli integratori alimentari ( in commercio ne esistono anche alcuni a base naturale) che possiamo acquistare nelle erboristerie, farmacie o anche on-line.

Come accorgersi se cè carenza di Melatonina

La carenza di questa sostanza potrebbe anche passare inosservata o quanto meno i sintomi potrebbero essere facilmente confusi con altri disturbi.
Chi ha bassi livelli di melatonina potrebbe andare incontro a:

  • Problemi di insonnia
  • Emicranie e cefalee
  • Depressione
  • Ansia
  • Sindrome premestruale

Ad ogni modo, in alcuni studi è stato osservato che in molti casi la carenza di melatonina era accompagnata da disturbi come: Alzheimer, depressione, cancro e demenza senile, problemi di pressione sanguigna.
Al contrario, se siamo in presenza di una di queste patologie, aumentando la produzione di Melatonina (anche attraverso integratori) ne miglioriamo lo stato di salute.

Con ciò con stiamo dicendo che un suo deficit comporti automaticamente queste patologie ma vi è una familiarità che fa sia uno dei sintomi in associazione agli altri scompensi che si generano.
La melatonina può essere assunta in dosi di 0,3-10 mg al giorno. Ovviamente sarebbe bene consultare prima il medico che ci indicherà la dosi corretta a seconda della nostra necessità. Ogni patologia ed ogni disturbo ne prevede un utilizzo in quantità differenti, difatti in campo oncologico l’uso è maggiore.

Condividi su :

Melatonina: prodottiI prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *