Il miele falso nuoce alla salute. Come distinguere il miele genuino da quello contraffatto

Miele puro Vs Miele contraffatto. Il miele falso può nuocere alla salute e spesso non riusciamo a distinguerlo. Ecco i test per riconoscere quello puro.
Test per riconoscere il miele puro dal miele contraffatto

Il miele è un alimento davvero molto versatile, utilizzato per addolcire bevande come sostituto dello zucchero, per realizzare dolci e per lenire fastidi legati a raffreddamenti e mal di gola. Contiene moltissime proprietà benefiche per l’uomo e per poterne carpire ogni beneficio è indispensabile utilizzare un miele di qualità, che non sia alterato da eventuali sostanze aggiunte al suo interno, altrimenti avremmo un prodotto di scarsa qualità e soprattutto chimico.
Dovete tener presente che una gran parte del miele in commercio nei nostri supermercati non è sano come crediamo. Per questo è opportuno sapere come riconoscere quello puro e genuino in modo da non incappare in una vera e propria truffa alimentare.

Proprietà del miele

Già in altri articoli ne abbiamo trattato e, ci teniamo a ricordare quanto faccia bene il miele all’organismo umano.
Al suo interno possiamo trovare un mix di vitamine (tra cui quelle del gruppo B) e aminoacidi essenziali.
Il miele è un potente antibiotico ed antinfiammatorio NATURALE, esso è capace di svolgere un’ azione di protezione per quanto riguarda il tratto gastrointestinale aiutando a riparare la mucosa intestinale là dove danneggiata.
Contiene antiossidanti e agenti anti-infiammatori che rallentano il danno ossidativo causato dai radicali liberi e dalle tossine.
Essendo ricco di sostanze nutritive può essere sfruttato per tenere a bada i sintomi dell’influenza, del raffreddore e altre malattie respiratorie causate da batteri e germi. È anche utile nel trattamento di ferite e ustioni superficiali poiché accelera la cicatrizzazione e previene le infezioni.

I benefici del miele si estendono anche ai bambini, tuttavia è consigliabile non somministrarlo prima dell’anno di vita per il rischio, raro ma pur sempre presente, di contaminazione da botulino.
Tali spore che potrebbero essere nel miele, una volta nell’intestino del bambino, possono germinare fino a causare gravi danni neurologici e/o respiratori.
Indubbiamente si parla di una remota possibilità, tuttavia è buona cosa evitare per non rischiare.
Una volta superati i 12 mesi, è possibile trovare il miele in molti sciroppi per bambini inoltre può essere tranquillamente somministrato per alleviare il mal di gola o calmare gli attacchi di tosse.

Come riconoscere il miele tarocco da quello naturale

Così come per l’olio, anche il miele subisce manipolazioni e viene messo in commercio spacciandolo per genuino anche quando non lo è.
Molte volte per dargli quel sapore dolce vengono allevate le api alimentandole con sostanze ricchissime di zuccheri. In questo modo daranno vita ad un miele dolce ma assolutamente innaturale. Altro modo per correggere il sapore del miele è quello di aggiungervi al suo interno una miscela chimica a base di sciroppi (il più comune è quello di glucosio), oppure  soluzioni di zucchero.
Ma esiste un modo per riconoscere quando si parla di miele contraffatto?
La risposta a questa domanda è SI e sono 4, vediamoli insieme:

IL TEST DEL BICCHIERE

Questo test è semplicissimo:
Prendiamo un bicchiere d’acqua e al suo interno mettiamo un bel cucchiaio di miele. Se il miele inizia a sciogliersi vorrà dire che siamo in presenza di un alimento dubbio e alterato.
Nel caso in cui esso si raccoglierà compatto sul fondo del bicchiere allora vuol dire che abbiamo acquistato un buon prodotto.

TEST DELLA FIAMMA

Prendiamo il nostro barattolo di miele e imbeviamolo leggermente un dischetto di cotone al suo interno. Avviciniamo il dischetto ad una fiamma e osserviamo cosa succede:

  • Se il dischetto inizierà a bruciare immediatamente il miele è buono;
  • Se farà fatica a bruciare vuol dire che il prodotto è ricco di umidità in eccesso e dunque contraffatto.

IL TEST DEL DITO

Questo test fa riferimento alla consistenza del miele. Sappiamo che, solitamente, è abbastanza viscoso e non liquido. Per questo è opportuno mettere 1/2 gocce sul pollice ed osservarlo:

  • Se la gocce inizia a colare vuol dire che siamo in presenza di un miele non buono;
  • Se resta ancorato al dito, vorrà dire che ha la sua corretta viscosità e dunque è un buon prodotto alimentare.

IL TEST DELLA CONSERVAZIONE

Un buon miele, sottoposto a temperature basse, tenderà a cristallizzare diventando davvero molto duro. Se nella vostra dispensa avete un barattolo sempre nello stato liquido allora potete dubitare fortemente della sua genuinità.
(N.B: Se si tratta di miele di acacia, è possibile che la consistenza resti invariata, per gli altri tipi di miele no).

Il nostro consiglio è di acquistare miele biologico presso rivenditori di fiducia e soprattutto presso aziende agricole, il cui prodotto resta invariato ed è realizzato in modo corretto. Qui possiamo trovare miele di qualità, ricco di proprietà nutritive e assolutamente buono.
L’importante è acquistare il vostro nettare d’oro da  apicoltori facenti parte del Conapi, così da evitare fregature o prodotti arricchiti di zuccheri e altre sostanza chimiche che ne correggono il sapore.

Miele dalla Cina o bulgaro

Il mercato del miele è davvero spaventoso anche perché può essere importato da diversi paesi e messo in commercio tranquillamente. Quelli che maggiormente “fabbricano” miele contraffatto sono appunto la Cina e la Bulgaria e per questo motivo, se volete andare sul sicuro acquistate miele da apicoltori aderenti a Conapi (Consorzio nazionale apicolo) i quali non acquistano miele straniero.
Per quanto riguarda la Bulgaria, spesso ci troviamo d’inanzi ad un prodotto alimentare addolcito con sciroppo di glucosio oppure prodotto con api la cui alimentazione è esclusivamente a base di zucchero così che possano produrre un miele dolcissimo ma pur sempre falso.
Addirittura, cosa ancor più clamorosa e scandalose sarebbe il miele prodotto il Cina. Questo tipo di alimento non avrebbe in nessun modo la provenienza dalla api…Ebbe si!
Ciò accade perché i cinesi produrrebbero “finto miele” proveniente dallo sciroppo di riso e riconoscere la truffa p al quanto difficile perché in alcuni aspetti è simile a quello d’api.

Fate sempre attenzione all’etichetta del miele, leggete attentamente ogni dicitura e fate attenzione all’ origine del prodotto. Scegliete quello italiano!
Il miele puro, QUELLO BUONO E GENUINO, è una vera miniera d’oro contenente al suo interno circa 15 minerali, 18 aminoacidi, 20 vitamine e fitonutrienti.
Tutte sostanze che, nel miele tarocco, mancherebbero. Anzi… mangiando miele “finto” non assimilate quasi nessuna di queste proprietà e altro non fate che nuocere alla vostra salute perché state ingerendo zuccheri su zuccheri.

Miele: prodotti

I prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

Leggi anche:Cosa ne pensi di questo articolo? Esprimi il tuo voto da 1 a 5 cliccando sulle stelle e condividi il contenuto in modo che anche i tuoi amici possano leggere queste informazioni. Grazie!
Il miele falso nuoce alla salute. Come distinguere il miele genuino da quello contraffatto
4.4 (87.8%) 41 votes

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *