Scoperto un anticorpo che blocca l’ingresso del coronavirus nelle cellule umane

Gli scienziati scoprono un anticorpo in grado di bloccare l’ingresso del coronavirus nelle cellule umane nel sangue prelevato da un sopravvissuto alla SARS 17 anni fa.
S309 anticorpo coronavirus

Si tratta di un anticorpo identificato per la prima volta in un sopravvissuto alla Sindrome Respiratoria Acuta Severa (SARS) che può fermare il nuovo coronavirus.
L’anticorpo, chiamato S309, prende di mira le “proteine di picco” che si trovano all’esterno del virus e che sono usate per invadere le nostre cellule. Test di laboratorio hanno mostrato che S309 si attacca alle proteine, neutralizzandole efficacemente, secondo i ricercatori della University of Washington School of Medicine di Seattle.

Questo anticorpo offre la speranza di una terapia o anche di un vaccino.
Come riferisce il Daily Mail, l’anticorpo è ora in un percorso di sviluppo e test accelerato presso la Vir Biotechnology di San Francisco. Se avrà successo, si aprirà la strada all’uso di S309 – da solo o in un cocktail – come vaccino per gruppi ad alto rischio o come farmaco per combattere sintomi gravi e potenzialmente letali.

Dobbiamo ancora dimostrare che questo anticorpo è protettivo nei sistemi viventi, cosa che non è ancora stata fatta“, ha detto il dottor David Veesler, professore assistente di biochimica alla University of Washington School of Medicine, in un comunicato stampa.
In questo momento non ci sono strumenti approvati o terapie con licenza provata per combattere il coronavirus“, ha aggiunto.

Ciò che rende diverso questo nuovo anticorpo è che è stato scoperto in qualcuno infettato da un diverso coronavirus, la SARS, nel 2003 – 17 anni fa.
Per lo studio, pubblicato sulla rivista Nature, il team ha identificato diversi anticorpi di interesse da un campione di sangue del sopravvissuto alla SARS in ‘cellule B della memoria’ che si formano a seguito di una malattia infettiva. Di solito ricordano un agente patogeno di cui il corpo si è liberato in passato, a volte per tutta la vita. Questo innesca il lancio di una difesa anticorpale contro una reinfezione.

Gli esperimenti hanno scoperto che l’S309 è stato particolarmente efficace nel mirare e nel disattivare le proteine di picco del nuovo coronavirus.
E ‘stato in grado di distruggere il virus, noto come SARS CoV-2, impegnandosi con una sezione della proteina di picco vicino al sito di attaccamento alla cellula ospite.

I test hanno mostrato che l’anticorpo riconosce un sito di legame che si vede in molti coronavirus – non solo SARS e COVID-19. La combinazione di S309 con altri anticorpi più deboli trovati nel paziente con SARS ha aumentato la distruzione del coronavirus.

Coronavirus: prodotti

I prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *