Raffreddore. Metodo buteyco: l’ esercizio per liberare il naso

Raffreddore: Basta questo semplice esercizio per liberare il naso chiuso in un minuto 2

Appena hai il naso chiuso ricorri subito allo spray nasale vero?Fai attenzione,questo farmaco alla lunga fa male.Puoi liberare il naso con questo semplice esercizio.

Il naso chiuso è un problema con cui molti di noi hanno spesso a che fare, soprattutto in inverno, ma non tutti sanno come porvi rimedio in un solo minuto e senza l’utilizzo di alcun farmaco.
Come molti credono, quando il naso è chiuso, l’ unico sollievo è una spruzzatina per narice del solito spray. Per questo e’ sempre a portata di mano, in tasca o nella borsetta. E, cosi’, si va avanti per mesi, talvolta per anni, senza chiedersi il perche’ del fastidioso disturbo e senza rendersi conto che per respirare meglio di quelle spruzzatine ce ne vogliono sempre di piu’. Quella che stiamo descrivendo non e’ una situazione al limite: sono tante le persone che usano, ma soprattutto abusano (fino a forme di vera dipendenza), dei nebulizzatori nasali.

Ma perchè lo spray nasale fa male e crea dipendenza?
La maggior parte dei nebulizzatori nasali contengono sostanze vasocostrittive, che riducono, il calibro delle piccole arterie riducendo l’afflusso di sangue, questi preparati fanno diminuire anche il liquido che dai vasi passa ai tessuti del naso, producendo un effetto decongestionante. Ma se le arteriole vengono stimolate in continuazione dalla sostanza in questione, come avviene in caso di abuso (si ricorre allo spray piu’ volte nel corso della giornata), si produce alla fine una “vasoparalisi”: i vasi, cioe’, reagiscono sempre meno al farmaco e la congestione del naso diventa piano piano permanente“. Arrivati a questo punto quindi bisogna ricorrere sempre più spesso a questo farmaco. E’ proprio per questo che quando il “vizio” dello spray nasale va avanti da molto tempo, e’ difficile liberarsene.

Liberare in naso chiuso con un semplice esercizio

Si tratta di un rimedio naturale testato su circa 100.000 pazienti e che è risultato utile nell’85 per cento dei casi. È un esercizio semplice per liberare il naso chiuso inventato da alcuni medici russi che praticano il metodo Metodo Buteyko. Questo metodo, ideato dal dottor Konstantin P. Buteyko, è una tecnica di rieducazione respiratoria per curare molte patologie. Di seguito vi spieghiamo tutti i passaggi dell’esercizio:

1. Distenditi e rilassati in una comoda poltrona nel tuo salotto
2. Tieni la bocca chiusa durante e dopo l’esercizio. Se apri la bocca dovrai rincominciare da capo.
3. Espira dal naso (consigliato) o dalla bocca se devi farlo
4. Ora trattieni il respiro tappandoti il naso
5. Muovi delicatamente la testa avanti e indietro
6. A questo punto la tua bocca è chiusa, stai trattenendo il respiro e stai facendo oscillare il capo
7. Continua così finché non senti un po’ di fastidio e hai bisogno di respirare
8. A questo punto lascia libero il naso e fai un bel respiro col naso tenendo la bocca chiusa
9. Dopo aver fatto un respiro profondo continua a respirare più lentamente e con calma per qualche minuto
10. Se è necessario ripeti l’esercizio sempre tenendo la bocca chiusa

Se il tuo naso non si è liberato completamente, e devi ripetere l’esercizio  un certo numero di volte fino a che il naso non sia totalmente libero.

Nel video seguente l’ osteopata Massimo Valente mostra come liberare il naso col metodo Buteyco. Buona visione

Questo articolo non si sostituisce in alcun modo al rapporto tra paziente e medico, esso ha una funzione divulgativa e non intende rappresentare una guida per automedicazione, diagnosi o cura. I suggerimenti e i consigli generali mirano esclusivamente a favorire nuove e migliori abitudini alimentari. ed uno stile di vita salutare. Le patologie e alcuni stati fisiologici richiedono l’intervento diretto di un professionista, e la collaborazione del medico curante. E’ sempre opportuno il parere del medico prima di intraprendere cambiamenti sostanziali nelle abitudini quotidiane.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
loading...
loading...

Aggiungi un commento con il tuo profilo Facebook,Google+ o anonimo

Loading Facebook Comments ...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *