Mangiare piccante fa bene al cuore e circolazione. Il peperoncino fresco contro infarti,ictus e colesterolo

A chi piace mangiare piccante ed è in grado di sopportare questo gusto ogni giorno, può ritenersi abbastanza fortunato. Il peperoncino è un toccasana per il cuore,la circolazione ne non solo.Ecco perchèmangiare piccante fa-bene

Mangiare piccante non solo fa bene alla salute ma aiuterebbe a vivere più a lungo. Un gruppo di ricercatori cinesi in uno studio pubblicato sul British Medical Journal, sono arrivati alla conclusione che per chi mangia piccante 6-7 giorni a settimana il rischio di mortalità scende del 14% rispetto a chi lo fa meno di una volta a settimana.

Non esiste migliore cura preventiva contro infarto e colesterolo di una buona dose giornaliera di peperoncino. Il peperoncino a cui si fa riferimento però è quello del fresco, in questo stato i micronutrienti e i principi attivi benefici per l’organismo sono maggiori rispetto al peperoncino essiccato, alle salse o all’olio piccanti. Inoltre nel peperoncino fresco in esso la capsaicina (la sostanza da cui ne deriva il sapore piccante) conserva maggiormente le proprietà benefiche descritte di seguito.

L’uso costante di peperoncino fresco abbassa il livello di colesterolo nel sangue, aiuta il cuore, agisce come vasodilatatore con grossi benefici per i capillari e per le arterie coronarie. Inoltre il seme del peperoncino contiene molti acidi polinsaturi che eliminano dalle arterie il colesterolo in eccesso e i trigliceridi. Il risultato è che così facendo il peperoncino aiuta a contrastare gli attacchi cardiaci e gli ictus.
Ma non finisce qui: perché la capsaicina esercita anche un’attività benefica sui vasi sanguigni che circondano i muscoli, facendo in modo che si rilassino e si allarghino, e favorendo così anche la circolazione sanguigna. Essa, insieme alla vitamina C, hanno anche un effetto protettivo per la salute in quanto svolgono sia un’azione antiossidante, cioè combattono i radicali liberi rallentando l’invecchiamento cellulare, sia immunitaria, cioè proteggono da infezioni da parte di agenti patogeni stimolando la sintesi di anticorpi.

Non a caso, nei paesi dove il peperoncino rappresenta una vera e propria cultura e viene consumato abitualmente da buona parte della popolazione, come ad esempio in Messico, si registrano bassissimi tassi di morte per infarti, e ictus.

Il peperoncino può essere considerato anche un ottimo afrodisiaco naturale, poiché un aumento del flusso sanguigno nei genitali favorirebbe l’erezione maschile e aiuterebbe a mantenerla. La vitamina E in esso contenuta, inoltre, avrebbe la capacità di aumentare il desiderio sessuale, sia nelle donne sia negli uomini.

E’ ottimo anche come decongestionante in caso di raffreddore, infatti è risaputo che un buon pasto piccante libera dopo pochi minuti il naso chiuso, sempre meglio dei fastidiosi ed irritanti spray nasali. Possono utilizzarlo tutti, sia gli adulti che i bambini anche a partire da quattro cinque anni.

Ma come ogni cosa l’abuso o l’uso inappropriato può provocare controindicazioni.  L’eccesso infatti può provocare emorroidi, irritazioni alla mucosa intestinale, infiammazioni gastrointestinali allo stomaco e anche ai reni. Ma soprattutto non ne deve abusare chi soffre di acidità di stomaco, di epatite, di cistite, di emorroidi, di ulcera e di prostatite in fase acuta.

Mangiare piccante: prodotti

I prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

Mangiare piccante: libri

I libri relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

Cosa ne pensi di questo articolo? Esprimi il tuo voto da 1 a 5 cliccando sulle stelle e condividi il contenuto in modo che anche i tuoi amici possano leggere queste informazioni. Grazie!
Vota questo post



Condividi su

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mangiare piccante: prodotti