Ictus: sintomi,come prevenirlo e come riabilitarsi nel post-ictus

L’ ictus è una delle principali cause di morte nel mondo. Ecco come prevenirsi da un ictus e come riabilitarsi al meglio nel periodo post ictus.
ictus riabilitazione e prevenzione 2

L’ ictus è una delle principali cause di morte nel mondo per cui è importante saper riconoscere i primi sintomi più frequenti in modo da prevenirsi in tempo.

Riconoscere in tempo l’inizio di un ictus è fondamentale per intervenire tempestivamente. Intervenendo nelle 3-6 ore successive alla comparsa dei primi sintomi si possono limitare di molto i danni. Molti sanno che anche se in genere si riesce a superare una crisi da ictus,  la possibilità di avere in seguito una serie di problemi è molto elevata.

E’ consigliabile quindi non aspettare sdraiati che i sintomi spariscano, ne aspettare il medico di famiglia che potrebbe arrivare dopo diverse ore, la soluzione migliore è andare immediatamente al pronto soccorso, o ancora più specificamente in una struttura ospedaliera dotata di uno Stroke Unit, una unità di emergenza specifica per il trattamento degli ictus. Questo perchè la sola arma che si ha per cercare di uscirne indenni, oltre alla prevenzione conducendo un certo tipo di stile di vita, è la rapidità di intervento.

Ictus: i sintomi da non sottovalutare

I sintomi maggiori che indicano l’inizio di un ictus sono:

  • Notare all’ improvviso una certa difficoltà nel parlare e nel capire ciò che gli altri dicono è il sintomo più frequente dell’ inizio imminente di un ictus;
  • La perdita di sensibilità improvvisa ed inspiegabile di qualche arto superiore o inferiore con conseguente formicolio;
  • Inspiegabile ed improvviso dolore alla testa;
  • Alterazione improvvisa della vista;
  •  Improvvisi giramenti di testa o senso di vertigini;
  • Debolezza improvvisa su un lato del corpo;
  • Paralisi in faccia, braccio o gamba;
  • Forte rigidità muscolare che si manifesta rapidamente;
  • Cammino instabile o scarso equilibrio con conseguente sconcertante, tessitura o virata;
  • Respirazione irregolare;
  • Confusione e perdita di memoria.

Tali sintomi sono validi sia in caso di Ictus ischemico (il più frequente in assoluto che colpisce in genere i soggetti maschili over 70), sia in caso di Ictus emorragico (che colpisce i soggetti più giovani), quindi non esiste un’ ètà che permette di sottovalutarli. Chiunque, di qualsiasi età e sesso dovrebbe prestare molta attenzione a questi sintomi, specie se compaiono in modo improvviso.

Molti sottovalutano questi sintomi per il semplice fatto che essi in genere spariscono nel giro di 24 ore, e quindi non li associano ad un ictus in arrivo. Ma in molti casi la realtà è ben diversa   in quanto si tratta di Transient Ischemic Attack (TIA), ossia di un attacco ischemico transitorio che prepara la strada a quello finale. Un soggetto che ha avuto un episodio di TIA è decisamente un soggetto a rischio, molto più degli altri, anche di 10 volte.

Ictus: riabilitazione e prevenzione

1. Riabilitazione

La riabilitazione per il trattamento di questa malattia può includere terapisti fisici, terapisti occupazionali, logopedisti, psicologi e altro. La terapia può aiutare i sopravvissuti all’ictus a migliorare la funzione fisica, il pensiero cognitivo, le abilità comunicative e di coping.

2. Esercizio

alcuni studi hanno dimostrato che esercitarsi regolarmente può aiutare a ridurre il rischio di ictus. Dopo un ictus, l’attività fisica può aiutare a migliorare l’equilibrio e la coordinazione ridando la forza. Segui il piano di esercizi che ti è stato dato dal tuo terapeuta.

3. Tè nero o verde

Una ricerca ha dimostrato che bere almeno tre tazze di tè nero o verde al giorno può ridurre il rischio di avere questa malattia. Dopo un ictus, il tè nero e verde può aiutare a migliorare la salute del cuore, abbassare i livelli di stress, migliorare i livelli di zucchero nel sangue e ridurre il rischio di ictus aggiuntivi.

4. Esercizi oculari

Molti sopravvissuti all’ ictus spesso denotano una significativa perdita della vista, esercitando gli occhi si può aiutare a migliorala. Gli esercizi per gli occhi possono includere giochi per computer progettati per migliorare la vista o puzzle di ricerca di parole.

puzzle di ricerca di parole ictus

5. Pilates

Uno studio pubblicato sul Journal of Bodywork and Movement Therapies ha rilevato che i partecipanti sopravvissuti all’ ictus che hanno fatto Pilates due volte a settimana per nove mesi hanno mostrato un miglioramento dell’equilibrio, della postura e della forza degli arti.

pilates ictus

6. succo di melograno

Livelli elevati di LDL sono un importante fattore di rischio per questa malattia. La ricerca ha dimostrato che il succo di melograno può aiutare a ridurre i livelli di LDL proteggendo dall’infiammazione, migliorando la memoria e aumentando la salute del cuore.

7. Dormire bene

I disturbi del sonno sono considerati un fattore di rischio per questa malattia. Per ottenere un riposo notturno migliore, spegni tutti i componenti elettronici almeno 30 minuti prima di andare a dormire. Assicurati che la tua stanza sia fresca e buia, e cospargi di olio di lavanda sul cuscino e sulle lenzuola per combattere l’insonnia.

8. Adeguati livelli di zucchero nel sangue

Il diabete può aumentare significativamente il rischio di avere un ictus. Per mantenere i livelli di zucchero nel sangue entro i limiti normali, eliminare gli zuccheri raffinati, i cereali e l’alcol dalla dieta e incorporare più alimenti ricchi di fibre.

9. Meditazione

Molti sopravvissuti all’ictus possono combattere l’affaticamento mentale, l’ansia e la depressione. La ricerca ha dimostrato che la meditazione può aiutare a migliorare la qualità del sonno, la memoria, la concentrazione e le prestazioni mentali, aumentando la felicità e riducendo l’ansia.

meditazione ictus

10. Yoga

Alcuni studi hanno dimostrato che lo yoga può aiutare a migliorare le funzioni fisiche, mentali ed emotive dei sopravvissuti all’ictus. Quando pratichi yoga, il GABA viene rilasciato nel cervello e aiuta a ridurre l’ansia. Lo yoga può anche aiutare a migliorare il controllo muscolare e l’equilibrio delle emozioni.

yoga ictus

11. Dieta Mediterranea

Uno studio pubblicato sulla rivista Atherosclerosis ha rilevato che i pazienti che non seguono una dieta mediterranea hanno più probabilità di avere l’ ictus rispetto a quelli che lo fanno. Una dieta mediterranea è piena di frutta fresca e verdura, fagioli e legumi, cereali integrali e grassi salutari tra cui noci, semi vari e olio d’oliva.

12. Agopuntura

L’agopuntura è stata usata per secoli nella medicina tradizionale cinese per una varietà di disturbi. I sopravvissuti a questa malattia possono trarre beneficio dalla capacità dell’agopuntura di aumentare la circolazione, alleviare il dolore e ridurre l’ansia.

ictus agopuntura

13. Vitamina D

Una carenza di vitamina D è considerata un fattore di rischio per gli ictus. Trascorrere del tempo all’aperto ogni giorno e / o integrare la vitamina D tramite cibi che ne contengono o integratori può aiutare a prevenire l’ ictus e migliorare il funzionamento cognitivo.

Riferimento: David Wolfe

Ictus: prodotti

I prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

Leggi anche:Cosa ne pensi di questo articolo? Esprimi il tuo voto da 1 a 5 cliccando sulle stelle e condividi il contenuto in modo che anche i tuoi amici possano leggere queste informazioni. Grazie!
Vota questo post

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *