Fichi d’India: benefici, proprietà e usi terapeutici di questo prezioso frutto

116 Condivisioni

Quanti conoscono i veri benefici e le proprietà terapeutiche dei Fichi d’India? E’ arrivato il momento di scoprire per davvero tutti i segreti di questo frutto per comprendere quanto faccia bene al cuore, all’apparato digerente, all’intestino ma non solo. I fichi d’India migliorano i livelli di colesterolo, sono antitumorali, antibatterici e ecc.

fichi d'india

Foto pixabay.com

Il fico d’India è una pianta succulenta appartenente alla famiglia delle Cactacee, originaria del Centro America ma abbastanza comune e molto diffusa anche nel Mediterraneo difatti anche nel nostro territorio possiamo avere molti esemplari e godere dei suoi preziosi frutti.
La pianta può raggiungere anche altezze di 4-5 metri ed il fusto è caratterizzato da pale la cui forma si presenta appiattita e ovaliforme.

Un elemento tipico del Fico d’India è la presenza di non poche spine lunghe da 1 a 2 cm che cospargono sia le pale che i frutti stessi.
I frutti che derivano da questa pianta sono i famosi Fichi d’India dalla forma tondeggiante ed ovale, Il colore dei frutti può variare: con colorazioni che vanno dal giallo fino all’arancio e al rosso intenso; presentano una polpa carnosa ed è ricca di semini. Inoltre è abbondantemente ricco di benefici e proprietà terapeutiche ben note fin da’ antichità, tanto che era ritenuto un frutto sacro e con forti valori simbolici.

Il frutto è noto da lungo tempo nella medicina tradizionale per il trattamento di numerose patologie; ulcera, stipsi o diarrea, patologie che colpiscono il fegato, ferite e affaticamento. Inoltre, l’estratto del frutto ha proprietà antiossidanti antitumorali, e patoprotettive.

All’interno dei Fichi d’India, e assaporando la sua gustosa polpa, possiamo assaporare un ricco quantitativo di acqua (pari all’ 84%) vitamine e sali minerali fondamentali; possiede innumerevoli proprietà terapeutiche che apportano molti benefici a tutto il nostro organismo. Molte volte, erroneamente, si è portati a credere che mangiarne renda stitici, in realtà non esiste nulla di più falso: I fichi d’India sono lassativi, favoriscono il dimagrimento, sono diuretici e contengono molte fibre. Ma vediamo meglio nel dettaglio i favolosi benefici di questo frutto eccezionale.

Proprietà dei Fichi d’ India

I fichi d’ India sono frutti poco calorici, in 100 grammi di prodotto possiamo trovare solamente 55 kcal per un totale complessivo di circa 150 calorie visti i 200-300 gr per frutto.
Non contengono colesterolo e hanno 13 gr di Zuccheri solubili.

I Fichi d’India si prestano molto per la preparazione di molti cibi i quali possono essere anche consumati freschi, ottimi sono i succhi, le gelatine, i liquori, le marmellate e dolci di vario genere.
Ha un notevole valore nutrizionale grazie alla sua composizione ricca di sali minerali:

  • Potassio 190 mg
  • Sodio 1 mg
  • Calcio 30 mg
  • Fosforo 25 mg
  • Magnesio 70 mg
  • Zinco 0,7 mg

Sono ricchi di Vitamine, di cui:

  • Vitamina A  10 μg
  • Vitamina C 18 mg
  • Vitamina B rispettivamente: Tianina 0.02; Riboflavina 0.04 mg; Niacina 0.4 mg.

Hanno un elevato contenuto di fibre le quali favoriscono il corretto transito intestinale. Queste si distinguono in:

  • Fibra solubile 0,13 g
  • Fibra insolubile 4. 87 g

Vi sono molti motivi per mangiare i Fichi d’India e non solo per le caratteristiche compositive che le contraddistinguono.
Essi sono ricchi di proprietà benefiche e terapeutiche per il nostro organismo. Forse si sa poco sul loro conto ma vi assicuriamo che sono un frutto dalle mille risorse che non ti aspetti.

Benefici dei Fichi d’India

Molte volte per migliorare il benessere del nostro corpo non servono grandi cose tanto meno prodotti costosi. La natura stessa ci offre gran parte di quello di cui abbiamo bisogno per star bene. Sta a noi informarci e comprendere come trarre aiuto da ciò che ci circonda così da farne uso, proprio come facevano i nostri antenati.

Uno dei più preziosi frutti per la nostra salute sono i fichi d’india, tanto gustosi ma particolari al tempo stesso. Si prestano davvero per ogni preparazione e ci regalano un carico energetico non indifferente, sempre rispettando le esigenze del nostro corpo.
Mangiare fichi d’india ci permette di star bene a 360° e adesso impareremo a comprendere perché.

Combattono la stitichezza

Grazie all’elevato contenuto di fibre, questo frutto riesce a contrastare i problemi di stitichezza mantenendo sano l’intero apparato digestivo.
Spesso si ha la concezione (sbagliata) che tale frutto possa avere un effetto contrario, in realtà è falso, o meglio: varia in funzione della sua maturazione.

  • Se mangiamo un frutto maturo possiamo agire combattendo la costipazione e regolarizzando l’intestino
  • Se mangiamo un frutto acerbo invece possiamo risolvere i problemi di diarrea, così da bloccare tale disturbo grazie al suo potere astringente.

Le fibre, inoltre, aumentano il senso di sazietà favorendo la naturale perdita di peso ed evitando si ingurgitare altre kcal.

 Antiossidanti Naturali

I fichi d’India sono ricchi di antiossidanti naturali i quali ci aiutano a combattere l’azione dannosa dei radicali liberi, rallentando l’invecchiamento delle cellule, favoriscono la salute del cuore e migliorano la funzione cognitiva.
Un altro aspetto positivo è che possono migliorare il corretto funzionamento del sistema immunitario nonché aiutare a prevenire malattie come l’artrite grazie al potere antinfiammatorio.

Favoriscono la diuresi e migliorano la salute del fegato

I fichi d’india sono un frutto davvero versatile capace di agire su più fronti. Grazie all’abbondante presenza di acqua al suo interno, sono ideali per garantire la giusta idratazione e favoriscono la diuresi così da permettere di eliminare tossine e liquidi in eccesso.
Al suo interno infatti si trovano preziose dosi di fibra vegetale, che rigenera la flora intestinale e protegge dalle emorroidi. Oltretutto aiutando a combattere la ritenzione idrica e la cellulite.

Il loro potere purificante è davvero elevato tanto che agiscono anche al livello renale riducendo la formazione di calcoli.
Anche il fegato trae importanti benefici: gli antiossidanti contenuti nei fichi d’India, infatti, lo proteggono dai danni derivanti da sostanze tossiche così da migliorarne la salute e il corretto funzionamento.
Per assimilare al meglio tali benefici, se ne consiglia l’assunzione sotto forma di succo oppure di consumarlo sotto forma di marmellate.

Controllano il Colesterolo

I fichi d’India possono agire direttamente sui ricettori di colesterolo cattivo (LDL) così da favorirne l’abbassamento dei livelli nel sangue; ciò grazie anche alla presenza siacido linoleico, oleico e palmitico.

Uno studio ha dimostrato che il consumo di 250 gr al giorno (circa un frutto) per 8 settimane è efficace per la riduzione ed il controllo naturale dei valori di colesterolo.
Inoltre, il consumo abituale e regolare di fichi d’India, migliora la funzione piastrinica e l’equilibrio emostatico, contribuendo a prevenire il rischio di arteriosclerosi; tale patologia è proprio in funzione dall ’accumulo del colesterolo cattivo LDL.

Protettori dello stomaco

I fichi d’india sono capaci di proteggere la mucosa gastrica nello stomaco e sono in grado di rigenerarla in poco tempo.
Proprio per tali ragioni sono adatti per essere consumati.in presenza di gastrite.
Ma attenzione, se soffrite di diverticoli fareste bene ad evitarli a causa dei semini abbondantemente presenti all’interno della loro polpa.

Antitumorale

Secondo i risultati ottenuti da uno studio Americano, si è osservato come il succo di fico d’india sia capace di contrastare avanzamento di alcune tipologie di tumore.
Ad ogni modo l’azione antitumorale per eccellenza si esplica grazie alla presenza di FLAVONOIDI capaci di ridurre soprattutto il rischio di tumore al seno, alla prostata alle ovaio, polmoni e stomaco. I flavonoidi sono anche capaci di contrastare i radicali liberi che provocano l’invecchiamento precoce.

Disinfettanti naturali

In Messico l’uso ed il consumo dei fichi d’india vanta millenni di conoscenze anche da un punto di vista terapeutico.
Difatti della medicina popolare Messicana sia il succo che la polpa venivano utilizzati per curare ferite della pelle, escoriazioni, eczemi e tanto altro ancora. Tutto questo grazie al suo potere disinfettante ed antisettico naturale.
Altro impiego, non meno importante, riguarda l’eliminazione di gonfiore addominale e le infezioni alle vie urinarie come ad esempio la cistite.

Palliativo e curativo per tosse

Se avete raucedine o vi affligge una tosse che non fa via facilmente, potrete aiutarvi con un salutare e terapeutico sciroppo a base di fichi d’india. Esso avrà proprietà palliative e curative grazie all’azione dei flavonoidi.

Per beneficiare di questa azione calmante potrete anche realizzare un gustoso sciroppo.
Per farlo dovrete sbucciare accuratamente il fico d’india stando molto attenti alle spine che ricoprono la buccia.
Tagliate la polpa in pezzi di piccole dimensione e cospargeteli di zucchero di canna. Fate questa operazione tenendoli adagiati su una teglia.

Dopo averlo fatti riposare per un po’ procedete inserendo il tutto in un pentolino; aggiungete il succo di mezzo limone spremuto e cuocete a fuoco lento fino a che la polpa non sarà completamente sciolta. Potrete bere il vostro sciroppo sia caldo che freddo. Conservatelo in frigorifero per 2/3 giorni.

Noi siamo abituati a mangiare il frutto ma non tutti sanno che si possono fare gustose ricette e assimilare importanti vitamine e altre sostanze fondamentali, semplicemente mangiando la pala del fico d’india. Per intenderci ci riferiamo a quelle escrescenze sulla quale crescono i frutti della pianta.

Il sapore è davvero ottimo ed è possibile inserire la polpa (priva di spine) in insalata, per fare frullati e succhi, frutta in pastella e non solo.
Il gel che se ne ricava può essere prezioso per trattare scottature, come doposole, idratare la pelle secca e alleviare prurito.

116 Condivisioni

Fichi d'India: prodotti

I prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *