Un cucchiaino di miele funziona più dell’antibiotico contro tosse e mal di gola

Un cucchiaino di miele è meglio di un antibiotico, per malanni di stagione come tosse e mal di gola o piccole infezioni del tratto respiratorio. Questo perchè evita la resistenza agli antibiotici che è un problema molto diffuso in tutto il mondo.
miele contro tosse e mal di gola

Usa prima il miele per la tosse, dicono le nuove linee guida“, riferisce la BBC, riferendosi alle nuove linee guida sui modi migliori per trattare la tosse acuta a breve termine.
Le linee guida del National Institute for Health and Care Excellence (NICE) e del Public Health England (PHE) sono state sviluppate dopo aver esaminato le migliori prove scientifiche disponibili.

Le prove hanno dimostrato che il miele potrebbe essere efficace nel ridurre i sintomi della tosse acuta dovuta a infezioni delle vie respiratorie superiori (infezioni delle vie aeree), tra cui quanto spesso le persone tossiscono e quanto è grave la loro tosse.
La guida si applica ad adulti e bambini di età superiore ai 5 anni. È importante notare che il miele non è sicuro per i bambini di età inferiore a 1 anno.

Tra gli altri rimedi che hanno dato un certo beneficio vi sono il pelargonio, un rimedio a base di erbe, e i farmaci per la tosse contenenti guaifenesina o destrometorfano antitussivo (per chi ha più di 12 anni).

La maggior parte delle tossi acute sono infezioni virali autolimitanti che migliorano da sole. E gli antibiotici sono inefficaci nel trattamento delle infezioni virali, ma possono comunque causare spiacevoli effetti collaterali.
Gli antibiotici di solito vengono utilizzati solo se le persone sono molto malate o hanno aumentato il rischio di complicazioni a causa di una condizione di salute sottostante come la fibrosi cistica.

È importante sottolineare che dovremmo usare gli antibiotici solo quando sono realmente necessari. L’aumento della resistenza agli antibiotici può significare che in futuro potremmo non trarre beneficio da questi trattamenti.

Perché il miele è consigliato?

NICE e PHE hanno trovato le prove di 3 studi controllati randomizzati, che hanno tutti esaminato l’uso del miele nei bambini e nei giovani come trattamento per la tosse.
In questi studi, i bambini a cui è stato somministrato il miele hanno tossito meno spesso e hanno avuto tosse meno grave rispetto a quelli a cui non è stato somministrato alcun trattamento. Nessuno studio ha trovato alcuna differenza nella qualità del sonno né per i bambini né per i loro accompagnatori adulti. La qualità delle prove trovate è stata classificata da bassa a moderata.

Questa prova ha portato NICE e PHE a suggerire che il miele può essere utilizzato per alleviare i sintomi della tosse, ma solo in persone di età superiore a 1 anno. Non dovrebbe essere somministrato ai bambini di età inferiore a 1 anno a causa dei rischi di botulismo infantile (un tipo raro e grave di intossicazione alimentare che può colpire i neonati). La linea guida hanno anche fatto notare che il miele è uno zucchero e quindi può comportare un rischio di carie.

“Le infezioni respiratorie sono il motivo più frequente di prescrizione di antibiotici – scrivono i ricercatori – ma poiché la maggioranza delle infezioni è virale, questa prescrizione è inefficace e inappropriata e contribuisce all’antibioticoresistenza. Il miele è un rimedio tradizionale ben noto ai pazienti e ben accettato. E lo raccomandiamo come alternativa agli antibiotici: è più efficace, meno rischioso e non provoca danni da antibiotico resistenza”.

Come posso usare il miele per curare la tosse?

Mentre ci sono molti farmaci da banco per la tosse che includono il miele, è anche possibile miscelarlo con il limone caldo a casa per ottenere un effetto simile:

  1. spremere mezzo limone in una tazza di acqua bollita,
  2. aggiungere 1 o 2 cucchiaini di miele,
  3. bere ancora caldo (non dare bevande troppo calde ai bambini piccoli).

Miele: prodotti

I prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *