Pothos: la pianta da appartamento che depura l’aria di casa

Se vuoi depurare l’aria di casa e abbattere l’inquinamento domestico devi assolutamente avere questa pianta:il Pothos. Ne bastano 3 per ottenere grandi effetti benefici.
pothos pianta

Nell’ambiente esterno che ci circonda, così come all’interno della casa, possiamo respirare una notevole quantità di agenti inquinanti.
Se pensiamo che solamente lo smog possa influire su questo aspetto negativo ci sbagliamo di grosso.
Molte volte, anche stando chiusi in casa, possiamo venire a contatto con moltissime sostanze nocive le quali vanno ad inquinare l’aria circostante che respiriamo. Un aiuto efficace ci arriva proprio da alcune piante da appartamento. Queste non fungono solamente da addobbo estetico per le nostre case, bensì rappresentano un mezzo del tutto naturale per migliorare l’aria e purificarla dalla presenza di sostanze tossiche.

E’ il caso dell’ Epipremnum aureum o più comunemente Pothos. Si tratta di una pianta sempreverde dotata di notevole capacità di adattamento e resistenza, proprio per questa ragione è spesso utilizzata come pianta d’appartamento.

Varietà di Pothos

varietà di pothos

pothos si presentano dotate di grandi foglie lucide e cerose la cui forma ovale ricorda vagamente la morfologia di un cuore. I colori delle foglie possono variare a seconda della specie e possono essere: variegate di giallo/dorato, variegate di bianco o rosato oppure essere completamente verdi.
Questa pianta sviluppa dei lunghi rami i quali possono superare i 2 metri, su di essi sono presenti delle piccole radici aeree le quali permettono alla stessa di potersi arrampicare su differenti superfici. Proprio per tale motivo è possibile inserire uno speciale supporto nel vaso, così da permettere alla pianta di arrampicarsi verticalmente. Tuttavia la si può coltivare anche tenendola all’interno di un semplice vaso in modo che la sua “chioma” ricada pendendo verso il basso (un pò come se fosse un’edera).

Esistono circa 40 specie differenti appartenenti a questa pianta, le più diffuse sono:

  • Scindapsus aureus o Pothos aureus: molto diffusa a livello domestico. Si presenta con foglie grandi e verde intenso, striate di giallo crema o dorato.
  • Scindapsus pictus “Argyraeus”: anche questa specie ha foglie variegate ma sono molto più piccole rispetto alle altre, inoltre sono oblique, acuminate e di colore verde scuro caratterizzate da bordi sottili argentei. Per altro assume un aspetto satinato.
  • Scindapsus siamense: è una specie di pothos molto diffusa e le foglie si presentano di colore verde opaco con screziature in argento o verde pallido.
  • Trubii: anche in questo caso abbiamo foglie tipicamente verdi (chiaro/scure), in alcuni vasi variegate di bianco o argento.

Coltivare pothos in acqua

pothos in acqua

Come già vi abbiamo accennato, coltivare questa pianta risulta essere abbastanza facile grazie alla sua estrema versatilità e adattamento in diverse condizioni di luce e di clima. Non soffre il freddo ma neppure il caldo, potrebbe tranquillamente resistere a un periodo di siccità così come ad innaffiature eccessive; non teme la luce e neppure il buio. Insomma, è ideale anche per coloro che non hanno il pollice verde!
Ciò non toglie che per avere una crescita maggiormente vigorosa e sana occorrerebbe garantirle le giuste cure ed attenzioni.

Un dei metodi di coltivazione del Pothos è l’ idrocultura ossia l’ immersione delle radici all’interno di un vaso contenente acqua. In questo modo la pianta sarà in grado di assorbire autonomamente la quantità necessaria di acqua.
Coltivare il pothos in acqua è semplice e non richiede particolari accorgimenti in quanto sarà autosufficiente. E’ consigliabile scegliere l’idrocoltura soprattutto con le piante più giovani.
Una volta che la pianta ha ramificato abbondantemente ed è cresciuta potrete decidere se continuare a coltivarla in acqua oppure spostarla in un vaso con terreno (sconsigliamo di fare il contrario: ossia trasferirla dal terreno all’acqua).

Trasferire la pothos da acqua a terra

Trasferire la pothos da acqua a terra

Se volete trasferire la vostra pianta dall’acqua ad un terreno, dovrete prediligere un terriccio formato da un miscuglio di terra da giardino mista a 1/3 di terriccio di foglie e a un pò di sabbia così che le radici possano drenare i ristagni d’ acqua.

Annaffiare con moderazione, sia in inverno che in estate. Ovviamente potete aumentarne l’intensità nei periodo caldi e diminuirla quando fa freddo. In generale il  terriccio va tenuto costantemente umido ma mai con ristagni d’acqua.
Non bisogna esporla eccessivamente ai raggi solari ma predilige comunque un ambiente abbastanza luminoso.

Pothos: effetti benefici

pothos effetti benefici

Oltre ad addobbare gli interni della nostra casa, il pothos risulta utile grazie ai suoi effetti terapeutici sulla nostra salute.
Proprio per questa ragione è stata oggetto di svariati studi da parte della NASA la quale ne hanno dimostrato le favolose proprietà purificatrici negli ambienti interni.

Il pothos risulta essere la pianta ideale per eliminare vari tipologie di sostanze tossiche presenti nell’ atmosfera, soprattutto per quanto riguarda :

  • Il formaldeide è un gas incolore dall’ odore pungente, altamente solubile in acqua, noto per essere altamente nocivo in quanto può causare cancro e altre serie patologie all’ apparato respiratorio.
    La popolazione è facilmente esposta a tale sostanza soprattutto quando vi sono processi di combustione: fumo di sigaretta, inceneritori, stufe, vernici e coloranti come ad esempio le coperture dei classici mobili che arredano le nostre case,e ancora…fritture, cosmetici ecc.
  • Il benzene (causa stanchezza, sonno e tachicardia).
  • Lo xilene è altamente tossico tanto da andare danneggiare il cervello, può causare mal di testa, nausea e problemi al sistema nervoso.
  • Il benzene che causa stanchezza, tachicardia e sonno.

Tali sostanze si possono sprigionare dall’utilizzo di semplici spray per detergere oppure dall’accensione di candele che, comunemente, vengono accese in casa senza badare alle conseguenze.
Per poter riuscire a depurare l’aria inquinata nel nostro appartamento dovremmo inserire 3/5 piante così da distribuirle in casa in modo da agire in diversi ambienti: cucina e salotto sono i posti ideali.
A seguito di studi effettuati sul Pothos, si è visto che una maggior capacità di assorbire sostanze nocive è contenuta all’interno di specie transgeniche. Questa versione sintetica della pianta è stata elaborata da un gruppo di ricercatori dell’ università di Washington a Seattle i quali hanno modificato un particolare gene presente nel fegato di conigli e di altri mammiferi. Proprio questo gene sarebbe il principale responsabile della detossificazione dell’organismo perché capace di depurare l’ambiente circostante eliminando oltre l’ 80% delle sostanze tossiche contaminanti.

Non ci resta che arredare la nostra casa abbellendola con questa pianta, così da poter respirare aria più pulita e priva di inquinanti. Oltre a rendere l’ambiente più accogliente potremmo migliorare la qualità dell’aria e godere un pò di natura all’interno delle mura domestiche.

Pothos: prodotti

I prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

Leggi anche:Cosa ne pensi di questo articolo? Esprimi il tuo voto da 1 a 5 cliccando sulle stelle e condividi il contenuto in modo che anche i tuoi amici possano leggere queste informazioni. Grazie!
Pothos: la pianta da appartamento che depura l’aria di casa
4 (80%) 1 vote

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *