Meglio mangiare verdure crude o cotte?

Si dice che mangiare verdure crude conservi di più i nutrienti e le proprietà contenute in esse, ma non è sempre così. Ecco come mangiare le verdure
meglio mangiare verdure crude o cotte

È sempre preferibile mangiare verdure crude o cotte? Quali verdure bisogna mangiare crude? E quali cotte? La cottura fa bene o male ad alcuni tipi di verdure? Di seguito troverai tutte le risposte su come mangiare le verdure.

Ti sei sempre chiesto come preparare le verdure per massimizzare il loro contenuto nutrizionale e conservare al meglio le loro proprietà? La risposta a questa domanda non è semplice dal momento che la cottura alimenta le sostanze nutritive in alcune verdure e fa l’esatto opposto in altre. Alcuni prodotti sono più nutrienti crudi, mentre altri hanno bisogno di calore per tirar fuori il meglio.
La cottura anche se altera in minima parte le qualità organolettiche degli ortaggi, li rende più digeribili e aumenta la capacità del nostro organismo di assimilare alcune sostanze. Riportiamo di di seguito un commento del Prof. Berrino a riguardo:

La temperatura distrugge un pochettino alcune sostanze, ma gran parte restano. Ti prendi molte più vitamine mangiando delle verdure cotte ma non stracotte che mangiando delle verdure crude. Se ti mangi una carota cruda prendi pochissimo betacarotene: anche se la mastichi tanto non riesci a rompere le cellule. Se la fai saltare appena in padella con un velo d’olio, allora quando la mastichi la rompi bene e prendi più betacarotene. Lo stesso i pomodori: la salsa dei pomodori ti dà più licopene che mangiare i pomodori con l’insalata”.

Loading...

Ma allora quando cuocere e quando mangiare verdure crude?

Quando mangiare verdure crude

Di seguito la lista delle verdure da mangiare crude.

Barbabietola

La barbabietola è un ortaggio con un alto contenuto di acido folico. In particolare la barbabietola rossa è un alimento “top” per chi è in dolce attesa e per chi desidera un figlio. Un consiglio: per assorbire al meglio l’acido folico, è preferibile consumare l’ortaggio crudo.

Broccoli

Siamo soliti a mangiarli cotti ma non è proprio la scelta giusta. La cottura disattiva la mirosinasi, un enzima contenuto nei broccoli che aiuta a purificare il fegato dagli agenti cancerogeni. questo enzima viene disperso con la bollitura. Se non si vuole mangiare l’ortaggio crudo si può ricorrere ad una leggera cottura a vapore.

Lattuga

Se ti piace mangiare verdure crude, la lattuga è la scelta più giusta. La lattuga contiene una grande quantità di vitamina A, C e K, le quali si perderebbero con la cottura.

Aglio

Quando mettiamo a cuocere uno spicchio d’ aglio disperdiamo l’ allicina, una sostanza antibiotica, antivirale e antibatterica. Grazie ad essa l’aglio crudo è un vero toccasana per il nostro organismo.

Peperoni rossi

La loro vitamina C si disperde quando arrostiti, fritti o grigliati sopra i 375 gradi. Risultano essere quindi più salutari ad esempio peperoni freschi sott’ olio o sotto aceto che i peperoni fritti, grigliati o alla brace.

Cipolle

Quando cuoci le cipolle disperdi parte dell’ allicina e dei fitonutrienti in esse contenuti.

Loading...

Rucola

Se ami mangiare verdure crude, la rucola è una delle scelte più giuste. Contiene una grande quantità di vitamine B e di acido folico che altrimenti verrebbero disperse con la cottura.

Quando mangiare verdure cotte

Di seguito la lista delle verdure da mangiare cotte.

Asparagi

Gli asparagi sono ricchi di antiossidanti, e Vanno consumati cotti per assimilare al meglio queste sostanze.

Spinaci

Gli spinaci sono ricchi di ferro magnesio e calcio. La cottura permette al nostro organismo di assimilare al meglio queste sostanze.

Pomodori

Come citato dal Prof. Berrino, i pomodori cotti forniscono più licopene rispetto a quelli crudi, quindi meglio una salsa di pomodoro che un’insalata di pomodori.

Funghi

I funghi mangiateli riscaldati o cotti. Saltandoli, bollendoli, grigliandoli o arrostendoli, farà uscire più potassio per la costruzione muscolare.

Carote

Come ben sappiamo le carote possono essere consumate sia crude che cotte, ma il miglior modo per assimilarne il betacarotene sarebbe cuocerle leggermente. Fatele saltare appena in padella con un velo d’olio.

Nel caso delle verdure da mangiare cotte, un’ altro dilemma attanaglia molti di noi: meglio consumarle fritte o bollite?

Condividi su

Questo articolo non si sostituisce in alcun modo al rapporto tra paziente e medico, esso ha una funzione divulgativa e non intende rappresentare una guida per automedicazione, diagnosi o cura. I suggerimenti e i consigli generali mirano esclusivamente a favorire nuove e migliori abitudini alimentari. ed uno stile di vita salutare. Le patologie e alcuni stati fisiologici richiedono l’intervento diretto di un professionista, e la collaborazione del medico curante. E’ sempre opportuno il parere del medico prima di intraprendere cambiamenti sostanziali nelle abitudini quotidiane.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *