Embolia cerebrale: I sintomi che potresti avere un mese prima

Loading...

embolia cerebrale sintomi un mese prima

Un’ embolia cerebrale è un disturbo che impedisce la corretta ossigenazione delle cellule cerebrali.Ecco i sintomi che potresti avere un mese prima

Un embolismo cerebrale è un problema molto comune di cui ne sappiamo poco. Di solito ci preoccupiamo di queste condizioni quando qualcuno nella famiglia ne ha sofferto. Tuttavia, un buon modo per prevenire è di tenerci informati e aggiornati. Questo è il motivo per cui abbiamo bisogno di sapere quali sono i sintomi e i primi segni di questa condizione.

Cos’è un’embolia cerebrale?

Un’embolia cerebrale è un disturbo che impedisce la corretta ossigenazione delle cellule cerebrali. È un tipo di attacco cardiaco, chiamato anche ictus, in cui un vaso sanguigno viene bloccato da qualche tipo di coagulo. Questo coagulo, che si può formare ovunque nel corpo, si muove attraverso il flusso sanguigno e si deposita nel cervello. Pertanto, viene impedito il corretto apporto di sangue e le cellule cerebrali sono danneggiate.  L’ ictus può causare la morte delle cellule con conseguenze permanenti.

Le persone che hanno maggiori probabilità di soffrire di embolia cerebrale sono quelle con più di 65 anni, e le più colpite sono le donne.
Ci sono alcune condizioni che aumentano il rischio di embolia cerebrale:

  • soffrire di aritmie cardiache o fibrillazione atriale (quando la frequenza cardiaca è irregolare).
  • essere diabetico
  • avere altri casi in famiglia
  • avere un colesterolo alto
  • cattive abitudini alimentari, fumo e stile di vita sedentario
  • donne incinte, durante il loro terzo trimestre.
  • persone con trattamenti ormonali sostitutivi.
  • donne dopo il parto

Sintomi di embolia cerebrale.

Il sintomo più evidente di embolia cerebrale è un intenso mal di testa che non può essere calmato. Ci sono altri casi in cui la persona non può notare che sta subendo un ictus.

Tuttavia, quando il processo è iniziato, si possono notare altri sintomi e segni precoci. Questo cambia da un paziente all’altro e dipenderà dal vaso sanguigno che è stato ostruito. Cioè, la parte del cervello che viene colpita. Generalmente, appaiono improvvisamente e non progressivamente. È necessario essere attenti a questi fattori che possono presentarsi ad embolia cerebrale in corso, ma alcuni di questi anche un mese prima:

Leggi anche: Ictus: sintomi,come prevenirlo e come riabilitarsi nel post-ictus

  • vertigini.
  • visione offuscata, visione doppia o cecità temporanea.
  • problemi nel parlare.
  • lacune mentali e problemi di memoria.
  • intorpidimento o paralisi di un lato del corpo.
  • singhiozzo.
  • cambiamenti nell’udito e nel senso del gusto.
  • cambiamenti in termini di contatto. Perdere la capacità di sentire dolore o pressione in qualsiasi parte del corpo.
  • svenimento e perdita di coscienza.
  • debolezza muscolare, problemi a camminare.
  • difficoltà nella respirazione.
  • allucinazioni.
  • nausea e vomito.
  • convulsioni.
  • problemi a deglutire il cibo.
  • Difficoltà nel controllo degli sfinteri.
  • cambiamenti improvvisi di umore e personalità.

Leggi anche: Ictus: Ecco i più frequenti campanelli d’allarme da non sottovalutare assolutamente

Se si soffre di alcuni di questi sintomi o se si sospetta di essere affetto da embolia cerebrale, recarsi immediatamente al pronto soccorso. Se hai dei sospetti che ad esempio la persona che è insieme a te in quel momento stia per essere affetto da ictus cerebrale, puoi fare un test facile. Oltre a valutare la sua condizione, cioè se non soffre di vertigini, svenimenti, ecc., fagli alcune semplici domande come chiedergli il nome, come è il tempo, data di compleanno o cose simili. Le persone che soffrono di ictus avranno difficoltà ad articolare le parole e a ricordare situazioni comuni. Nel caso in cui il test abbia esito negativo, chiama immediatamente un’ambulanza o portalo subito al pronto soccorso.

Leggi anche: Infarto,arresto cardiaco,ictus:Sapere le differenze salva la vita

 

loading...
loading...
La Scoperta del Giardino della Mente
Cosa ho imparato dal mio ictus cerebrale

Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere

€ 13

Tradotto da: medicinanatural.com

Condividi su

Questo articolo non si sostituisce in alcun modo al rapporto tra paziente e medico, esso ha una funzione divulgativa e non intende rappresentare una guida per automedicazione, diagnosi o cura. I suggerimenti e i consigli generali mirano esclusivamente a favorire nuove e migliori abitudini alimentari. ed uno stile di vita salutare. Le patologie e alcuni stati fisiologici richiedono l’intervento diretto di un professionista, e la collaborazione del medico curante. E’ sempre opportuno il parere del medico prima di intraprendere cambiamenti sostanziali nelle abitudini quotidiane.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *