Digiuno terapeutico: la più potente tecnica naturale di guarigione

Il digiuno terapeutico rappresenta un metodo efficace e sicuro per disintossicarsi, in quanto l’organismo non viene bombardato da tossine e altre sostanze chimichedigiuno terapeutico potente tecnica di guarigione

Teniamo a precisare che digiunare non significa morire di fame, la parola “digiuno” è osservata nella società moderna da una prospettiva esclusivamente negativa. Nel nostro caso si tratta semplicemente di una forma di digiuno volontario che consiste nell’ utilizzare una tecnica che i saggi usano da secoli per guarire dalle malattie e per rinforzare il proprio corpo, un metodo per purificarlo da scorie e tossine, andando in questo modo ad eliminare disturbi comuni che affliggono la nostra quotidianità, infatti è una terapia consigliata per tutti i tipi di problemi.

Dal momento che assumiamo qualsiasi tipo di alimento, stomaco, intestino, pancreas, fegato, reni ed apparato urinario, lavorano senza sosta principalmente per gestire ed eliminare gli alimenti introdotti, fino alla completa assimilazione degli stessi. Se ad esempio assumiamo alimenti ad intervalli regolari non superiori alle 6 o 7 ore, non diamo mai la possibilità a tutti questi organi di riposarsi abbastanza per permettere al nostro organismo di espellere  tossine e purificarsi.

E’ proprio questo il punto, il nostro organismo risolve i problemi proprio nel momento di riposo degli organi sopra citati, quindi nei momenti di digiuno. In pratica il digiuno permette ai nostri organi principali di riposarsi dal lavoro di routine per passare a pulire o sistemare piccoli danni presenti, le tossine più a portata di mano vengono prelevate ed eliminate (con conseguente perdita di peso), il grasso in eccesso viene trasformato in energia e si purifica un po’ tutto l’organismo.

Dopo appena qualche ora dal digiuno infatti, l’organismo comincia a sfruttare le riserve di grassi e zuccheri che vengono normalmente conservate per far fronte ai periodi di carestia.

Ciò vuol dire che i nostri organi cominciano ad espellere queste sostanze per trasformarle in energia. In questo modo avviene una sorta di “liberazione” non solo dalle riserve energetiche che continuano ad accumularsi quando mangiamo, ma per di più dalle scorie e dalle tossine.

In virtù di ciò che è stato sopra descritto, se a cadenza mensile si effettua un digiuno terapeutico di un giorno, questo non può che apportare benefici all’ organismo.

Ma come va fatto il digiuno terapeutico?

Innanzitutto ci teniamo a precisare che i diabetici e i soggetti che hanno problemi di ipoglicemia dovrebbero consultarsi con il medico riguardo la possibilità o meno di effettuare il digiuno se pur di un solo giorno.

Si può iniziare la giornata con una tisana senza zucchero, magari con l’aggiunta di 10-20 gocce di limone.

Se si sente il bisogno di mangiare qualcosa durante il digiuno, o si opta per una o due mele o altra frutta e verdura fresca di stagione , in razioni di 200gr.

Bere molte centrifughe di frutta o verdura fatte al momento nel modo più naturale possibile, non utilizzare quelle acquistate piene di conservanti.

Un digiuno terapeutico “disintossicante” può  essere ripetuto con frequenza  mensile (per un giorno al mese) . Soprattutto in individui in soprappeso , fumatori , alcolisti , soggetti con colelitiasi  e con livelli alti di colesterolo e trigliceridi .

Digiuno terapeutico: prodotti
I prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

Leggi anche:Cosa ne pensi di questo articolo? Esprimi il tuo voto da 1 a 5 cliccando sulle stelle e condividi il contenuto in modo che anche i tuoi amici possano leggere queste informazioni. Grazie!
Vota questo post


Condividi su
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *