I metodi naturali di conservazione dei cibi. Senza conservanti

Loading...

metodi naturali di conservazione degli alimenti

Vi proponiamo alcuni metodi naturali di conservazione degli alimenti, per conservarli più a lungo senza l’utilizzo di conservanti tossici.

Quante volte ti è capitato di aprire il frigo e notare che alcuni degli alimenti sono andati a male prima del previsto? Fortunatamente ci sono alcune tecniche di conservazione degli alimenti semplici e naturali per far durare più a lungo il cibo, senza conservanti chimici.

Tali metodi non solo impediranno lo spreco di cibo, ma eviteranno anche l’acquisto di prodotti contenenti i comuni conservanti chimici presenti negli alimenti ,come BHA, BHT, MSG, nitrati,
oli vegetali raffinati, zucchero raffinato e bromato di potassio.
Teniamo a precisare che la maggior parte dei conservanti chimici sono collegati a problemi di salute (anche in quantità minime) all’interno dei sistemi nervoso ed endocrino. Questo è un buon motivo per evitare i prodotti con conservanti, acquistare prodotti naturali e conservarli con i metodi che vi elenchiamo di seguito.

Trucchi rapidi per conservare alcuni alimenti specifici

Come conservare le banane

Quando acquisti un gambo di banane, prendi un piccolo pezzo di pellicola plastificata (cellophane) e avvolgilo attorno al gambo. Le banane rilasciano gas etilene mentre maturano e l’involucro di plastica aiuta a contenere il gas, rallentandone il processo di maturazione.

Come conservare le fragole

Un bagno di acqua e aceto aiuta a far durare le fragole più a lungo. Mettere le fragole in una grande ciotola e aggiungere 1 parte di aceto bianco e 10 parti di acqua. Mescolare, scolare, sciacquare, asciugare e conservare le fragole in frigorifero in un contenitore di vetro.

Come conservare le verdure

Per erbe, verdure a foglia verde, asparagi e qualsiasi altra verdura con gambo, puoi farli durare più a lungo tagliando i loro steli (come faresti con un mazzo di fiori) e mettendoli in un vaso di vetro riempito con  acqua . fatto ciò metti il tutto in frigorifero.

Metodi naturali per conservare i cibi più a lungo senza conservanti

Decapaggio con aceto

Il decapaggio è il metodo più antico usato per conservare gli alimenti, tutte le nostre nonne lo hanno utilizzato. Si tratta di un processo di conservazione delle verdure con l’aceto. Consente  di conservare verdure fresche, frutta e persino uova per diversi mesi migliorando anche il sapore degli alimenti. per intenderci stiamo parlando dei classici sottaceti.
Il segreto che rende l’aceto un orrimo conservante naturale è l’acido acetico.. L’acido acetico uccide i batteri che rovinano il cibo e l’acidità crea un ambiente in cui non possono sopravvivere.
Le soluzioni di decapaggio più tradizionali usano aceto, acqua, sale e zucchero, ma puoi lasciare lo zucchero fuori.Mentre lo zucchero agisce anche come conservante naturale, è principalmente inteso per aggiungere sapore ai prodotti che stai decapando.

Sale (polimerizzazione o salatura)

Il sale è il metodo di conservazione più antico e più efficace. Il sale può preservare qualsiasi cosa da carne, pollame e pesce, fino a dessert e verdure perché rimuove l’umidità e riduce la quantità di acqua disponibile per la crescita dei batteri .
Ad esempio fare una salamoia con acqua e sale per conservare la carne può permettergli di durare diversi mesi.
Qualsiasi tipo di sale è buono per preservare la carne, ma il sale rosa dell’Himalaya e il sale marino celtico o Maldon sono le scelte migliori perché non sono raffinati. Se scegli di conservare la carne con il  il sale rosa dell’Himalaya inlotre, le darai anche un buon apporto di minerali.

Sale Rosa dell'Himalaya - Fino
Integrale Himalayano

Voto medio su 59 recensioni: Da non perdere

€ 2.6251

 

Sale di Maldon in Fiocchi
Un prodotto unico e di qualità

Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere

loading...
loading...
€ 8.3475

Pepe di Cayenna

Il pepe di Cayenna mostra la più forte attività antimicrobica contro lieviti, muffe e altri batteri specie sul formaggio. I peperoncini sono stati addirittura proposti come alternativa ai conservanti chimici nell’industria alimentare.
Quindi, ravviva le tue zuppe, salse, stufati con del peperoncino per mantenerli freschi più a lungo.

 

Pepe di Cayenna
Peperoncino piccante macinato

Voto medio su 47 recensioni: Da non perdere

€ 2.8246

Terra diatomacea

La terra diatomacea è una sostanza bianca e polverosa a base di diatomee, che sono alghe monocellulari minuscole. È nota per essere una delle fonti più ricche di silice, ma sta diventando anche più popolare come conservante naturale perché respinge gli insetti ed elimina l’umidità. Oltre ai benefici che questa apporta all’ organismo.
Leggi anche: “Terra diatomacea: una farina fossile che disintossica l’intestino

Questa farina fossile per uso alimentare può essere utilizzata per conservare alimenti secchi della dispensa come farine di nocciole, quinoa e persino il cibo del vostro animale domestico, mischiando un po di questa farina con tali cibi.

Terra Diatomacea di Grado Alimentare
Proprietà di pulizia delle pareti intestinali, riesce ad eliminare eventuali parassiti che sono presenti nel tratto digestivo

Voto medio su 75 recensioni: Buono

€ 22

Aglio

L’aglio può aumentare il potenziale di altri metodi di conservazione naturale, come salamoia e marinatura sopra descritti, e preservare la freschezza dei tuoi piatti proteici animali, così come i piatti a base vegetale come salse, zuppe e condimenti per insalata fatti in casa. Quindi se adotti metodi come fermentazione o salamoia aggiungi anche dell’ aglio per potenziare il processo di conservazione degli alimenti.

Fermentazione

La fermentazione è particolarmente adatta per estendere la durata di conservazione della frutta e verdura di mesi. Per i vegetali in particolare si usa la lattofermentazione.
La lattofermentazione favorisce lo sviluppo dei batteri lattici naturalmente presenti nei vegetali, nella carne o nel latte. Questi sovrasteranno i batteri patogeni e conserveranno i nostri alimenti. Ma non è tutto. I batteri lattici hanno anche il potere di arrichire le verdure di anti-ossidanti, enzimi, probiotici e vitamine. Riescono anche ad eliminare alcuni inquinanti come i nitrati

Questo tipo di fermentazione utilizza acqua e sale, che impedisce la crescita di batteri cattivi e permette ai batteri buoni di prosperare. I batteri buoni “abbattono” lo zucchero nella frutta e nelle verdure, che produce acido lattico. L’acido lattico crea la giusta quantità di acidità necessaria per conservare il cibo e proteggerlo dalla crescita di muffe e batteri.
Si tratta di un processo semplice (per non parlare di uno dei più antichi trucchi di conservazione degli alimenti) e richiede solo acqua, sale, un vaso sterilizzato e frutta o verdura a scelta. I cibi fermentati con la fermentazione lattea possono durare diversi mesi nella dispensa, a condizione che siano conservati in un luogo fresco e asciutto.

Congelamento

Il congelamento permette di conservare gli alimenti per almeno 6 mesi in più del previsto, a condizione che siano sigillati ermeticamente e che il congelatore sia a 0º o più freddo. I prodotti da forno, la frutta e le proteine animali possono durare fino a 6 mesi nel congelatore, mentre il latte dura da 1 a 3 mesi.

Anche le verdure possono essere congelate per prolungare la loro conservazione, ma alcune devono essere sbollentate prima del congelamento, il che consente loro di conservare i loro nutrienti, enzimi, consistenza e colore.

Succo di limone o di lime

il limone contiene l’acido ascorbico agisce come un antiossidante, e l’acido citrico che è un antibatterico naturale e aiuta a preservare il sapore e il colore degli alimenti.
Proprio grazie alle sue proprietà antibatteriche, il succo di limone può essere utilizzato per conservare qualsiasi pasto a base vegetale (ad es insalate e verdure). Una bella spremuta di limone sul vostro pasto vegetale allungherà di molto la conservazione di quest’ultimo.

Condividi su

Questo articolo non si sostituisce in alcun modo al rapporto tra paziente e medico, esso ha una funzione divulgativa e non intende rappresentare una guida per automedicazione, diagnosi o cura. I suggerimenti e i consigli generali mirano esclusivamente a favorire nuove e migliori abitudini alimentari. ed uno stile di vita salutare. Le patologie e alcuni stati fisiologici richiedono l’intervento diretto di un professionista, e la collaborazione del medico curante. E’ sempre opportuno il parere del medico prima di intraprendere cambiamenti sostanziali nelle abitudini quotidiane.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
Loading...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *