Come riutilizzare l’olio fritto da cucina e i suoi sorprendenti usi alternativi

Nel quotidiano viavai della cucina domestica, l’olio di frittura è un ingrediente che trova largo uso. Ma che fine fa quando ha terminato il suo compito principale? Molti di noi, probabilmente, si limitano a gettarlo nel lavandino o nel WC, alimentando senza saperlo un danno ambientale non indifferente. Ma attenzione! L’olio esausto può rivelarsi un’inesplorata miniera di risorse, offrendo un gran numero di usi alternativi. Scopriamo insieme come trasformare questo comune rifiuto in un tesoro di utilità.

Spesso, per abitudine o per ignoranza, siamo portati a liberarci dell’olio esausto versandolo nei condotti fognari o in giardino. Tuttavia, questa prassi è altamente dannosa per l’ambiente e può provocare intasamenti negli scarichi domestici. Questo perché l’olio, una volta raffreddato, tende a solidificarsi, formando un deposito di grasso intorno alle tubature che è poi molto difficile da rimuovere.

Giusto Smaltimento dell’Olio Fritto

Frittura del pesce

Frittura del pesce – Foto di Jolande da Pixabay

Nella nostra cultura culinaria, la frittura è un metodo molto popolare per la preparazione di una vasta gamma di piatti. Di conseguenza, ogni famiglia si trova spesso con litri di olio di cucina esausto da smaltire. Ma gettare questo olio in maniera inappropriata può causare gravi danni ambientali, contaminando suoli, acquiferi, mari, fiumi e laghi.

Se siamo nella condizione di doverci liberare dell’olio fritto, è importante farlo nel modo corretto. L’olio dovrebbe essere filtrato (per rimuovere eventuali residui di cibo), versato in un contenitore apposito, lasciato raffreddare e, infine, portato al centro di raccolta differenziata più vicino, in quanto è classificato come un rifiuto speciale.

L’Olio Fritto, un Tesoro Inaspettato: come può essere riutilizzato

L’olio fritto, al di là del suo comune uso in cucina, può essere riciclato in molteplici modi. Grazie alla sua capacità lubrificante e infiammabilità, può diventare una risorsa utile per svariati scopi.

Prima di riutilizzarlo, l’olio va filtrato, versato in un contenitore di vetro e congelato. In questo modo, la sua conservazione viene prolungata e può essere riutilizzato secondo necessità. Vediamo alcune delle applicazioni possibili per l’olio di frittura esausto:

  1. Lubrificante: una volta riscaldato, l’olio aumenta le sue proprietà lubrificanti, diventando adatto per lubrificare attrezzi da lavoro, viti, bulloni e simili. Può anche essere usato per lubrificare la pala da neve, impedendo alla neve di attaccarsi alla superficie.
  2. Combustibile Biologico: grazie alla sua alta infiammabilità, l’olio fritto può essere utilizzato come combustibile naturale, ad esempio per alimentare lampade ad olio. Inoltre, in alcune città italiane, l’olio usato viene raccolto per produrre biodiesel.
  3. Unguento Naturale per la Pelle: l’olio fritto può essere utilizzato come lubrificante naturale per la pelle, facilitando la rasatura e riducendo il rischio di irritazioni cutanee.
  4. Sapone Fatto in Casa: infine, con l’olio fritto è possibile realizzare un sapone biologico fatto in casa. Per farlo, avrai bisogno di 15 ml di olio fritto filtrato, 15 gocce di olio essenziale per il profumo, un bicchiere d’acqua e 350 grammi di sapone di Marsiglia neutro.

Dopo aver ridotto il sapone di Marsiglia in scaglie e fuso a bagnomaria, aggiungi gli altri ingredienti e mescola fino a ottenere un composto omogeneo. Versa il tutto in stampi, copri con pellicola trasparente e lascia riposare per 12 ore in un luogo asciutto e non troppo caldo.
Riciclare l’olio fritto non solo è un piccolo passo verso la sostenibilità ambientale, ma offre anche la possibilità di riutilizzare una risorsa che altrimenti sarebbe destinata a diventare un rifiuto. Ricordiamoci che ogni piccolo gesto conta quando si tratta di salvaguardare il nostro pianeta!


Condividi su 🠗
Olio: prodottiI prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →

Ti interessano i nostri post?
Segui Salute Eco Bio su
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *