Covid-19: il vaccino potrebbe non bastare, gli anticorpi svaniscono

0 Condivisioni

Studi recenti sembrano dipingere un quadro triste di quanto dura l’immunità COVID-19, trovando prove di un crollo dei conteggi degli anticorpi virali nei pazienti affetti da COVID-19 a soli due mesi da un’infezione iniziale. Alcuni hanno temuto che queste persone siano vulnerabili alle reinfezioni e che i vaccini a lunga durata possano essere più difficili da sviluppare, rendendo impossibile ottenere una diffusa immunità di gregge.

anticorpi coronavirus

Ma gli esperti non sono terribilmente preoccupati per questi risultati di questi anticorpi – rifiutando il suggerimento che questi dati iniziali indicano il rischio di reinfezione, e respingendo le affermazioni che la diminuzione dell’immunità anticorpale potrebbe porre fine alle speranze di un vaccino di lunga durata.

Per cominciare, il nostro sistema immunitario ha altri modi per combattere le infezioni oltre agli anticorpi. E anche se la nostra risposta immunitaria naturale è sub-par, un vaccino sarebbe progettato per produrre una risposta immunitaria migliore dell’infezione naturale.
“Lo scopo di un vaccino ben sviluppato è quello di aggirare queste limitazioni [dell’infezione naturale] e di ottimizzarlo in modo da assicurare una risposta immunitaria robusta e duratura”, ha detto Daniel Altmann, un immunologo dell’Imperial College di Londra.

Questo non vuol dire che la recente ricerca sulla diminuzione dei livelli di anticorpi nei pazienti affetti da COVID-19 non sia attendibile. Il principio generale di tracciare i livelli di anticorpi virali per stimare l’immunità a una specifica malattia è ben consolidato. Gli anticorpi riconoscono la forma di una parte di un virus e vi si attaccano, identificandolo per la successiva distruzione o neutralizzando l’agente patogeno sul posto.

Finché un paziente mantiene un numero sano di anticorpi per un determinato virus nel suo flusso sanguigno, il corpo rimane vigile e pronto a combattere l’infezione futura. I vaccini funzionano in linea di massima secondo lo stesso principio, stimolando il sistema immunitario a produrre anticorpi in via preventiva.

“Gli scienziati hanno studiato diversi anticorpi per decenni, e i metodi per analizzarli sono standardizzati”, ha detto Lisa Butterfield, immunologa della University of California San Francisco e del Parker Institute for Cancer Immunotherapy. “Una volta sviluppati i test specifici per il COVID-19, è stato relativamente semplice seguire i livelli di anticorpi nel tempo”.

Seguendo questi livelli di anticorpi nei pazienti affetti da COVID-19, si sono ottenuti risultati sobri, almeno a prima vista. Uno studio preliminare pubblicato sul server di prestampa medRxiv a metà luglio dai ricercatori del King’s College di Londra ha scoperto che gli individui con infezioni lievi non avevano quasi nessuno dei loro sudati anticorpi COVID-19 60 giorni dopo l’infezione.

(Quello studio non è stato ancora pubblicato in una rivista peer-reviewed) e una recente lettera inviata al New England Journal of Medicine ha trovato analogamente che i livelli di anticorpi sono diminuiti in modo esponenziale entro 90 giorni dall’infezione.

Ma queste diminuzioni nel conteggio degli anticorpi possono non essere motivo di preoccupazione, da un punto di vista clinico. “Le conclusioni potrebbero essere un po’ esagerate”, ha detto Steven Varga, un immunologo dell’Università dell’Iowa. “Vogliamo sempre risposte immunitarie durature e a lungo termine, ma è normale con molti vaccini e agenti patogeni avere una diminuzione dei titoli anticorpali [livelli] nel tempo. Non credo che il calo che queste pubblicazioni stanno mostrando sia qualcosa di cui essere terribilmente allarmati”.

Inoltre, quanti anticorpi sono sufficienti a prevenire la reinfezione? “Non lo sappiamo ancora”, ha detto Butterfield. “Bassi livelli di anticorpi buoni e neutralizzanti potrebbero essere sufficienti”.

Oltre gli anticorpi contro il covid-19

Anche la conta degli anticorpi è solo una piccola parte della complessa storia dell’immunità umana. I globuli bianchi del sistema immunitario sono ampiamente suddivisi in due categorie: le cellule B, che producono anticorpi, e le cellule T che si legano alle cellule infette e le uccidono. Entrambe queste cellule possono vivere nell’organismo per decenni, e si moltiplicano in risposta a una malattia che il corpo ha già incontrato.

La diminuzione dei livelli di anticorpi può significare che l’immunità delle cellule B diminuisce dopo poche settimane, ma questo non significa necessariamente che i livelli delle cellule T diminuiscano a tassi comparabili. Infatti, un recente studio sulla rivista Nature ha scoperto che 23 pazienti che si sono ripresi dalla SARS, un cugino stretto di COVID-19, possedevano ancora cellule T reattive alla SARS più di 15 anni dopo l’epidemia di SARS (che si è conclusa nel 2003.)

E uno studio preprint inviato a medRxiv a giugno ha suggerito che alcuni pazienti senza anticorpi rilevabili mantenevano ancora l’immunità delle cellule T al virus che causa COVID-19.

“L’unica fregatura”, ammonisce Altmann, “è che non abbiamo mai visto una prova formale che le cellule T siano funzionali da sole [senza anticorpi]. Nella foga della battaglia, le cellule T sarebbero sufficienti a salvarti?” Questa è una domanda importante perché una risposta immunitaria robusta di solito comporta un controllo incrociato tra cellule T e cellule B.

Ma Altmann sospetta che le cellule T siano in grado di prevenire un’infezione senza l’input delle cellule B. “Ho visto esempi di pazienti con carenze di cellule B che si sono ripresi bene dal COVID-19”, ha detto. “Ma la giuria non è ancora tornata a dimostrare che i soli linfociti T sono protettivi”.

Speriamo ancora in un vaccino

Indipendentemente da cosa significhino questi livelli di anticorpi in diminuzione per l’immunità complessiva, ciò che i dati rappresentano certamente non è una battuta d’arresto significativa per nessuno dei candidati al vaccino COVID-19. Anche se ci ritroviamo con un vaccino che produce anticorpi che si riducono dopo pochi mesi, e anche se il numero di anticorpi è abbastanza basso da rendere i pazienti vulnerabili all’infezione, e anche se le cellule T si rivelano insufficienti per combattere la malattia da sole – uno scenario improbabile – un vaccino a breve termine potrebbe ancora essere sufficiente per fermare la pandemia.

“Non abbiamo necessariamente bisogno di vent’anni di immunità per avere un vaccino efficace”, ha detto Varga. “Abbiamo bisogno di qualcosa che ci dia l’immunità a breve termine, abbastanza a lungo da poter interrompere questo ciclo di trasmissione”.

Ancora più promettente, i vaccini candidati più avanzati non fanno uso di coronavirus morti o attenuati, che corrono il rischio di produrre deludenti risposte immunitarie simili a quelle osservate nelle infezioni naturali, ha detto Altmann. Invece, i precursori come i vaccini Oxford o Moderna utilizzano tecnologie relativamente nuove.

Il vaccino di Oxford utilizza una versione geneticamente modificata di un comune virus del raffreddore (chiamato vettore adenovirale) per trasportare materiale genetico dal nuovo coronavirus; e il vaccino Moderna utilizza l’RNA messaggero (mRNA) per istruire le cellule a fare una parte molto piccola del nuovo coronavirus.

Entrambi questi metodi possono produrre risposte immunitarie più durature rispetto ai vaccini tradizionali fatti di virus intero, perché possono essere rapidamente modificati e testati nelle cellule per produrre una risposta immunitaria forte e duratura. “Poiché avete progettato questa piattaforma, potete ottimizzare la sua risposta immunitaria”, ha detto Altmann.

Nessun vaccino adenovirale o mRNA è attualmente approvato per uso umano, ma “sarei sorpreso se la diminuzione dei livelli di anticorpi fosse un problema” con questi vaccini, ha detto Altmann.

Tratto e tradotto da Live Science

0 Condivisioni

Covid-19: prodotti

I prodotti relativi a questo articolo sono facilmente reperibili online a prezzi vantaggiosi e SONO DISPONIBILI QUì →


TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *