Più ti arrabbi più ingrassi. La rabbia come una delle principali cause di obesità.Lo afferma un noto nutrizionista

Più ti arrabbi più ingrassi. La rabbia come una delle principali cause di obesità.Lo afferma un noto nutrizionista

L’obesità non è causata solo da fattori esterni come la sedentarietà e la cattiva alimentazione, ma anche da altri fattori interni come le emozioni. La rabbia è una delle principali cause di obesità.

E’ proprio così, forti attacchi di collera, specie se frequenti, possono avere conseguenze dirette sulla nostra linea, in peggio ovviamente. Quindi se non vogliamo accumulare chili di troppo faremmo meglio a restare calmi.


Controllare le nostre emozioni è di fondamentale importanza per la nostra linea, in quanto esiste un legame tra sovrappeso e sentimenti collerici.

Ad alcuni soggetti la collera porta a mangiare di più perché il cervello stimola la produzione di sostanze che condizionano la regolazione del senso di fame e di
sazietà. Ad altri quindi toglie addirittura l’appetito, ma in entrambi i casi si tende ad ingrassare, nel primo di più, nel secondo caso di meno, ma comunque si ingrassa.

Inoltre la rabbia fa assimilare di più ciò che si mangia.

Ciò accade perchè, in qualunque caso, quando proviamo il sentimento della rabbia, il nostro organismo tende a rilasciare cortisolo e adrenalina che provocano gonfiore e, per questo motivo, le cellule non riescono a rilasciare sufficiente energia provocando l’aumento del peso corporeo.  Inoltre gli ormoni fanno
depositare il grasso nell’addome formando il gonfiore addominale. I grassi che si accumulano si dispongono, infatti, proprio intorno alla vita e sulla pancia.

Questa Tesi è confermata da una ricerca durata ben 14 anni, da parte del noto nutrizionista messicano  Juan Manuel Romero Villa. Durante tutto questo periodo ha avuto a che fare con molti pazienti i quali, se pur hanno effettuato una corretta alimentazione ed un corretto stile di vita, soffrono di obesità perchè per la maggior parte del tempo risultano essere costantemente arrabbiati.
l’esito di tale ricerca lo ha portato a scrivere il libro “El que se enoja engorda” (Colui che si arrabbia ingrassa).

Gli scompensi sopra citati non sono apportati solo dalla rabbia, ma anche da altre emozioni come ad esempio il forte dispiacere e la disperazione.

La rabbia causa l’invecchiamento precoce del cuore

Le forti emozioni oltre a provocare obesità, provocano una sorta di invecchiamento precoce del cuore. Quando siamo arrabbiati ad esempio il nostro battito cardiaco aumenta, consentendo all’ organismo di produrre più cortisolo del normale. Un livello troppo elevato di questo ormone provoca il deterioramento delle pareti delle arterie ed un accumulo di grasso che può favorire la formazione del colesterolo cattivo.
Non è un caso che molto spesso si verificano casi di morte per infarto dei soggetti che sono quasi sempre arrabbiati nell’ arco della loro vita.

Pertanto, quanto sentiamo che stiamo per “perdere le staffe”, sarebbe meglio respirare profondamente e placare la nostra ira affrontando i problemi con maggior calma possibile, se non vogliamo accumulare chili di troppo ed invecchiare troppo in fretta.
Copyrighted.com Registered & Protected 8DRI-3TJL-2Q3X-QKGS

Che Rabbia!
Come controllarla prima che lei controlli te
€ 16

Questo articolo non si sostituisce in alcun modo al rapporto tra paziente e medico, esso ha una funzione divulgativa e non intende rappresentare una guida per automedicazione, diagnosi o cura. I suggerimenti e i consigli generali mirano esclusivamente a favorire nuove e migliori abitudini alimentari. ed uno stile di vita salutare. Le patologie e alcuni stati fisiologici richiedono l’intervento diretto di un professionista, e la collaborazione del medico curante. E’ sempre opportuno il parere del medico prima di intraprendere cambiamenti sostanziali nelle abitudini quotidiane.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:
loading...
loading...

Aggiungi un commento con il tuo profilo Facebook,Google+ o anonimo

Loading Facebook Comments ...

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *